Login con

Farmaci e dintorni

20 Novembre 2014

Psicofarmaci, donne più propense all’uso e all’abuso


Le donne ricorrono agli psicofarmaci più degli uomini e, in particolare, tra i minorenni sono le ragazze ad abusarne maggiormente facendone un uso diverso da quello prescritto dal medico. È questo il dato principale che emerge dalla ricerca "Dimensione di genere dell'uso non medico di farmaci da prescrizione in Europa e nel Mediterraneo" finanziata dal governo italiano e condotta dal Gruppo Pompidou, che ha raccolto informazioni in 17 paesi (Cipro, Repubblica Ceca, Egitto, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Israele, Italia, Libano, Lituania, Malta, Marocco, Serbia, Olanda, Tunisia e Galles). Per l'Italia i dati non sono aggiornati sulla popolazione generale, ma risalgono a un sondaggio condotto nel 2012 che si allinea ai dati internazionali: tra i 18 e i 64 anni il 24% delle donne e il 15% degli uomini hanno risposto di fare o di aver fatto uso di psicofarmaci, l'età media della prima assunzione è 30 anni, per entrambi i sessi. L'unico dato attuale reso disponibile per l'indagine internazionale, riguarda la fascia d'età tra i 15 e i 19 anni e tutto sembrerebbe dimostrare che sono le ragazze ad abusare di più degli psicofarmaci, cioè a farne un uso diverso da quello prescritto dal medico, l'età del primo abuso è 14 anni per le ragazze e 15 per i ragazzi, mentre l'assunzione di psicofarmaci assieme ad alcool è circa la stessa, anche se i ragazzi tendono a farlo un po' di più. Secondo Antonio Clavenna, farmacologo e ricercatore presso l'Istituto Mario Negri di Milano, va fatta una distinzione tra farmaci: «Dal punto di vista epidemiologico, la presenza di sintomi depressivi o ansiosi è maggiore tra le donne e questo si riflette in un maggior uso dei farmaci per combatterli, ma per altre classi avviene il contrario, come per esempio gli antipsicotici o gli stimolanti impiegati per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività». Ma che cosa fare per contrastare gli abusi? Secondo Clavenna, «servono approcci differenziati a seconda del genere perché gli abusi sono diversi sia nelle sostanze assunte che nelle modalità». E chiarisce: «Per le ragazze va posta una grande attenzione alle fragilità e alle difficoltà di adattarsi ai cambiamenti che intervengono nell'età della crescita, invece per i ragazzi il rischio di abuso è spesso è dovuto alla ricerca di nuovi stimoli ed esperienze». Tuttavia, in entrambi i casi, c'è bisogno di educazione, in generale alla salute e in particolare a un corretto uso dei farmaci: «In Italia c'è un abuso di tutti i farmaci, prodotto di un atteggiamento culturale che li considera una panacea per tutti i mali. Bisognerebbe partire dalle scuole, anche perché gli adolescenti sono tra le categorie a maggior rischio, e tra loro sono diffuse abitudini pericolose come l'utilizzo di farmaci trovati in casa perché prescritti ai genitori oppure la condivisione di stimolanti tra compagni di scuola».

Renato Torlaschi

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Quest’anno il Natale è una coccola di benessere

Quest’anno il Natale è una coccola di benessere

A cura di Lafarmacia.

Le farmacie della provincia di Vicenza partecipano a un progetto europeo sull’impatto della telemedicina su cura, diagnosi ed equità di accesso ai servizi,...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top