Login con

Farmaci e dintorni

21 Gennaio 2015

Diclofenac Otc vietato in Gran Bretagna


Oltre a provocare disturbi a carico dell'apparato gastrointestinale l'assunzione di diclofenac potrebbe danneggiare il sistema cardiaco. L'autorità di farmacovigilanza britannica Medicines and healthcare products regulatory agency (Mhra) ha deciso perciò di sospendere la vendita dei farmaci da banco (over the counter), in formulazione orale, contenenti questo antinfiammatorio. Anche se il provvedimento è entrato in vigore il 15 gennaio 2015 in questi ultimi anni il livello di attenzione sulla sicurezza cardiovascolare di diclofenac non si è mai abbassato. In particolare da quando una revisione europea, accolta anche dall'Agenzia italiana del farmaco nel 2013, emanò restrizioni all'impiego sistemico nei pazienti con insufficienza cardiaca congestizia accertata, cardiopatia ischemica, arteriopatia periferica e malattie cerebrovascolari. Come motivazione un lieve ma possibile aumento di eventi avversi di natura cardiaca, tra cui edema periferico e trombosi, associato all'assunzione di diclofenac. La raccomandazione fu di limitare l'impiego a brevi periodi alle minime dose efficaci, dopo un'anamnesi del paziente sulla presenza dei fattori di rischio classici: ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia e diabete mellito. Analoghe precauzioni per il cuore avevano determinato, nel 2004, il ritiro di un altro antinfiammatorio non steroideo (Fans) appartenente alla classe dei coxib. Diclofenac è utilizzato soprattutto per il trattamento dell'infiammazione e del dolore muscolo-scheletrico di varia natura, artrosi, artriti e traumi anche post-operatori. Tra i pazienti, ma anche tra i medici e i farmacisti, la possibilità di eventi avversi cardiaci spesso non è tra quelle messe in conto o in cima alla lista. Il nuovo provvedimento dell'Mhra avrà probabilmente ricadute a livello europeo, Italia compresa, dove diclofenac è disponibile a basse dosi in compresse e bustine vendute in farmacia senza prescrizione medica.
Perché interessa il farmacista: il provvedimento britannico costringe a un atteggiamento di prudenza nella dispensazione di diclofenac consigliato come farmaco da banco.

Marvi Tonus

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Un inverno senza energie?

Un inverno senza energie?

A cura di Viatris

Nel primo trimestre del 2024 sono stati registrati 213 casi di morbillo, la trasmissione è avvenuta principalmente in ambito famigliare e tra i casi di cui si...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top