Login con

Farmaci e dintorni

27 Febbraio 2015

Erbe e integratori: poco dialogo tra pazienti in chemioterapia e oncologi


Un'ampia percentuale di pazienti affetti da un cancro ricorre alla medicina complementare e alternativa (Cam) - inclusi erbe e integratori - durante il trattamento antineoplastico. Eppure, meno della metà degli oncologi statunitensi afferma di avere iniziato un discorso su questi prodotti con l'assistito. Lo rivela un'indagine - condotta da un gruppo di ricercatori guidati da Richard T. Lee, direttore medico del Programma di medicina integrata all'Università del Texas, a Houston - che evidenzia inoltre come due terzi degli intervistati (un campione casuale di 1.000 aderenti all'American society for clinical oncology [Asco]) adduca la mancanza di conoscenze in questo campo come barriera principale per intavolare una discussione con gli assistiti sull'argomento, pur sapendo che alcuni prodotti a base di erbe possono interagire con le terapie antitumorali. Più in dettaglio è emerso che solo il 41% degli oncologi discute questi temi con i malati e solo un quarto di queste conversazioni (26%) viene iniziata dal clinico. Gli intervistati hanno riferito nel 59% dei casi di non avere mai ricevuto alcuna educazione in questo settore ma, nonostante ciò, la maggior parte di essi (93%) mostra preoccupazione per le potenziali interazioni fra tali prodotti e i trattamenti in corso. Se si ipotizza il caso di un paziente affetto da un cancro potenzialmente curabile, l'80% degli oncologi afferma che sconsiglierebbe l'uso di erbe o integratori contestuale alla chemioterapia; se però si formula l'ipotesi di un paziente colpito da un male incurabile solo il 37% permane su questa posizione mentre un 48% si dichiara neutrale. In ogni caso, che il soggetto sia curabile o meno, il 90% degli oncologi asserisce che probabilmente offrirebbe la chemioterapia, anche se il paziente insistitesse per assumere erbe non note. «Il miglioramento delle conoscenze dei clinici su erbe e integratori» concludono Lee e collaboratori «potrebbe favorire una migliore comunicazione medico-paziente su questo importante argomento».

Arturo Zenorini

J Clin Oncol, 2014;32(36):4095-101

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Una menopausa in bellezza!

Una menopausa in bellezza!

A cura di Viatris

Sull’applicazione del Codice relativo ai medicinali veterinari arrivano nuove indicazioni operative: sono molte le questioni su cui ci sono dubbi e man mano...

A cura di Francesca Giani

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top