Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Accordo Aifa-Assobiotec


Agevolare l''avvio in Italia di un numero sempre maggiore di sperimentazioni cliniche di fase precoce (I e II) sui farmaci, a oggi poco sviluppate sul territorio nazionale. Questo l''obiettivo di un accordo siglato a Roma dall''Agenzia italiana del farmaco (Aifa), dall''Istituto superiore di sanità (Iss) e dall''Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie (Assobiotec), in occasione dell''assemblea della stessa associazione. "Con questo accordo - ha sottolineato Roberto Gradnik, presidente di Assobiotec - intendiamo agire concretamente per rafforzare la capacità del nostro Paese di attrarre risorse preziose, quelle che derivano dalla scelta delle imprese biofarmaceutiche di localizzare sul nostro territorio gli investimenti per svolgere gli studi clinici di fase precoce. Abbiamo infatti un enorme potenziale: l''Italia in pochi anni ha portato allo sviluppo ben 136 prodotti e ce ne sono 132 in fase preclinica che nei prossimi mesi dovranno arrivare ai test sull''uomo, e vogliamo che lo facciano nel nostro Paese". "L''intesa siglata oggi - ha aggiunto Guido Rasi, direttore generale dell''Aifa - credo sia l''inizio di un nuovo trend di collaborazione fra pubblico e privato. L''Italia sconta un ritardo rispetto ad altri Paesi europei a causa di un sistema strutturato in modo poco efficiente, con troppe lungaggini burocratiche e autorizzative. In più, manca la cultura della fase I. L''accordo metterà in piedi un tavolo permanente per disegnare insieme le nuove regole del gioco, per proporre nuove leggi e per applicare bene quelle esistenti. Al settore produttivo, a fronte del nostro impegno, chiediamo di effettuare in Italia le fasi precoci di ricerca clinica almeno per il 50% delle molecole attualmente in fase preclinica o di discovery".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Aumenta l'idratazione dei capelli del 72% - Aveda

Aumenta l'idratazione dei capelli del 72% - Aveda

A cura di Aveda

L’aumento della spesa sanitaria nel 2024 è “illusorio”: il rapporto tra spesa sanitaria e prodotto interno lordo che dal 6,4% di quest’anno tornerà al 6,3% nel 2025-26, per scendere al 6,2%...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top