Login con

Farmaci e dintorni

10 Dicembre 2015

Farmaci oncologici, il prezzo varia di oltre il 300% in Australia, Europa e Nuova Zelanda


In Europa, Australia e Nuova Zelanda il prezzo dei nuovi farmaci anticancro varia dal 28 al 388%, secondo uno studio pubblicato su The Lancet Oncology. Nel complesso, il Regno Unito e i paesi mediterranei come Grecia, Spagna e Portogallo pagano meno di tutti un gruppo di 31 nuovi prodotti contro il cancro sotto brevetto, mentre i prezzi più alti sono in Svezia, Svizzera e Germania. Le differenze maggiori sono per la gemcitabina, usata per trattare tumori a mammella, polmone, pancreas e ovaio: in Nuova Zelanda il farmaco costa 209 euro a fiala e solo 43 in Australia.

L'acido zoledronico, invece, che previene le complicanze ossee nel cancro avanzato, costa 330 euro a fiala in Nuova Zelanda e 128 in Grecia. Un altro esempio è l'interferone alfa-2b usato nel melanoma e leucemia: «In questo caso i contribuenti tedeschi lo pagano il 223% in più rispetto ai greci» spiega Sabine Vogler del Collaborating Centre for Pharmaceutical Pricing and Reimbursement Policies dell'Organizzazione mondiale della sanità a Vienna, Austria. E prosegue: «Per gefitinib, invece, somministrato nel cancro polmonare non a piccole cellule, il prezzo in Germania è del 172% superiore a quello in Nuova Zelanda». Per arrivare a questi numeri Vogler e colleghi hanno esaminato i dati del servizio Pharma Price Information (Ppi) offerto dall'Istituto di sanità pubblica austriaco per 16 stati europei confrontandoli con i prezzi australiani e neozelandesi rilevati a giugno 2013 per 31 nuovi farmaci anticancro. «Di questi, nessuno era sotto i 10 euro» riprende la ricercatrice, precisando che 4 avevano invece un prezzo tra 250 e 500 euro, altri due erano tra 500 e 1.000 euro, sette avevano un costo superiore a 1.000 euro e uno, plerixafor per il trapianto di cellule staminali ematopoietiche nel linfoma o mieloma multiplo, superava i 5.000 euro a fiala. «La differenza tra i prezzi dei diversi paesi variava dal 28 al 50% in un terzo dei farmaci campione, tra 50 e 100% nella metà e tra 100 e 200% per tre farmaci» concludono gli autori.

E Wim van Harten, del Netherlands Cancer Institute di Amsterdam, scrive in un editoriale di commento: «Ci auguriamo che a fronte di questi dati la politica si impegni a garantire una maggiore trasparenza dei prezzi dei farmaci oncologici in modo che l'accesso alle terapie non dipenda dal luogo dove vive l'ammalato. La sfida è di coniugare lo sviluppo e la disponibilità di nuovi farmaci con la sostenibilità del sistema, e per vincerla non solo i politici, ma tutti gli attori della società civile devono essere d'accordo».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

La protezione solare che rispetta gli oceani

La protezione solare che rispetta gli oceani

A cura di Uragme

L'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Oms ha pubblicato i risultati della valutazione sulla cancerogenicità del talco classificato nel Gruppo 2A, delle sostanze...

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top