Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Così cala la prescrizione impropria


L’esperienza francese dimostra che è possibile diminuire il consumo di antibiotici, riducendone l’impiego non necessario

La Francia, che fino al 2001 aveva il primato europeo per l''utilizzo di antibiotici, l’ha ora ridotto di oltre il 25 % grazie a una campagna informativa quinquennale (2002-2007) organizzata dalle Casse malattia. A illustrarne il successo è un editoriale della rivista PLoS (The Public Librairy of Science), firmato dall’infettivologo Stephan Harbath, che accompagna la pubblicazione dello studio sull''impatto dell’iniziativa francese. Il calo del consumo di antibiotici è stato evidente in tutte le Regioni e per tutte le fasce d''età, arrivando a oltre il 30% nei piccoli sotto i sei anni. L''obiettivo fissato dal ministero della Sanità d''oltralpe, il 25% è stato quindi  superato. Lo studio, coordinato da Didier Guillemot, direttore  dell''unità di farmaco-epiemiologia e malattie infettive dell''Istituto Pasteur di Parigi, ha misurato il successo della campagna francese per l''uso appropriato di antibiotici analizzando oltre 450 milioni di  prescrizioni individuali. I tre obiettivi della campagna erano: sensibilizzare la popolazione, mettere a disposizione test rapidi per le angine da streptococco (che necessitano senza dubbio di antibiotici)  e, infine, realizzare un''azione mirata ai medici prescrittori. Lo studio, però, non è arrivato a definire chiaramente quali siano state le misure più efficaci, applicabili in  altri Paesi poich� "il successo di una campagna dipende da numerosi  fattori socioculturali". La Francia comunque resta "un esempio da  seguire" perch� ha provato che un’azione su più fronti può ridurre  significativamente le prescrizioni improprie. Nel Regno Unito, per esempio,  il consumo dei questi farmaci si è ridotto, sia pure del 5,8%, dopo due sole campagne invernali condotte nel 2004 e nel 2005. Inoltre, secondo gli autori, queste forme di sensibilizzazione convengono economicamente.  L''iniziativa francese è costata parecchio - 500 milioni di euro � ma è un costo di gran lunga inferiore ai risparmi  ottenuti con la riduzione dello spreco e, soprattutto, delle resistenze  batteriche.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Riirovare energia e vitalità, in estate - MagnesioPotassio.

Riirovare energia e vitalità, in estate - MagnesioPotassio.

A cura di Lafarmacia.

È attivo il portale interattivo TuttoVaccini, di Cittadinanzattiva: offre Vademecum sui vaccini e la geolocalizzazione dei punti vaccinali del proprio territorio: farmacie e centri...

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top