Login con

Farmaci e dintorni

10 Maggio 2017

Dolori muscolare in pazienti in terapia con statine, possibile effetto nocebo


Secondo uno studio pubblicato su The Lancet, quando i pazienti non sono consapevoli di assumere statine non si registra un aumento di sintomi muscolari, ma quando sanno di assumerle, esiste una maggiore probabilità che vengano segnalati sintomi, coerentemente con l'effetto nocebo. «Proprio come l'effetto placebo può essere molto forte, così può essere anche l'effetto nocebo» afferma Ajay Gupta, del National Heart and Lung Institute all'Imperial College di Londra, autore principale dello studio che poi aggiunge: «Non si tratta di persone che inventano i sintomi: i pazienti possono provare un dolore molto reale come risultato dell'effetto nocebo e dell'aspettativa che i farmaci causino dei danni.

Quello che dimostra lo studio è che è proprio l'aspettativa di un danno a provocare probabilmente l'aumento del dolore muscolare e della debolezza, piuttosto che i farmaci in sé». Lo studio è stato condotto in due parti successive, una in cieco e una in aperto. Nella prima parte, condotta tra il 1998 e il 2002, 10.180 pazienti tra i 49 e i 79 anni con ipertensione e almeno altri tre fattori di rischio, provenienti da Regno Unito, Irlanda e Scandinavia, sono stati randomizzati a ricevere atorvastatina 10 mg o placebo e sono stati seguiti per tre anni. Alla fine della prima fase, il farmaco si è dimostrato efficace e agli stessi pazienti è stata offerta la scelta di assumere una statina, in aperto; 9.899 dei partecipanti originali sono stati seguiti per altri due anni e il 65% ha scelto di usare il farmaco.

Durante la parte in cieco dello studio, il tasso di sintomi legati ai muscoli era simile tra i gruppi che ricevevano statina o placebo, ma durante la fase in aperto i sintomi muscolari erano del 41% più comuni tra le persone che prendevano statine. «Spesso si è sostenuto che i tassi di eventi avversi muscolari sono bassi negli studi randomizzati controllati a causa della selezione dei pazienti» affermano in un editoriale Juan Pedro-Botet, dell'Hospital del Mar, e Juan Rubiés-Prat, dell'Universitat Autònoma de Barcelona, entrambi a Barcellona, in Spagna. «Così, il punto di forza dello studio di Gupta risiede nel fatto che in questo caso si trattava degli stessi pazienti, non esisteva alcun periodo di introduzione per escludere i pazienti intolleranti alla terapia e pochi pazienti avevano precedentemente preso le statine» concludono.

The Lancet 2017. doi: 10.1016/S0140-6736(17)31075-9 http://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(17)31075-9/fulltext

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Ritrovare concentrazione e produttività

Ritrovare concentrazione e produttività

A cura di Alfasigma

Nonostante l’introduzione della vaccinazione anti-pneumococcica resta ancora bassa la sensibilità dello Streptococcus pneumoniae alle penicilline, ma sono...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top