Login con

Farmaci e dintorni

28 Giugno 2018

Allergie e adrenalina, autoiniettori fondamentali ma pochi adulti li portano con sé


Oltre la metà (52%) degli adulti che hanno ricevuto prescrizioni per autoiniettori di adrenalina ha riferito di non aver utilizzato il proprio dispositivo durante una reazione allergica grave, principalmente per il fatto che l'iniettore non era disponibile al momento della reazione. Questo è quanto emerge dai risultati di un sondaggio sviluppato da un team multidisciplinare, pubblicati su Annals of Allergy, Asthma, and Immunology. «Non è sufficiente ritirare la prescrizione in farmacia. É necessario sapere come usare l'autoiniettore e portarlo sempre con sé, per essere pronti nel caso di un'emergenza allergica. Può salvare la vita» dice Ruchi Gupta, della Northwestern University Feinberg School of Medicine, autore senior dello studio. In totale, 917 persone con prescrizione per autoiniettori hanno completato il sondaggio (255 da 0 a 12 anni, 212 da 13 a 17 anni e 450 di età compresa tra 18 e 65 anni). Arachidi (30%), molluschi (22%) e latte (21%) erano le allergie alimentari più comunemente riportate nel campione. Nell'anno precedente al sondaggio, il 69% degli intervistati aveva avuto almeno una reazione allergica, e il 39% più reazioni.

La maggior parte degli adulti ha riferito di non aver utilizzato il dispositivo, anche se sarebbe stato utile, e il 45% ha dichiarato di non averlo con sé in quel momento. Nel sondaggio, più della metà degli intervistati ha espresso un forte accordo con le dichiarazioni "conosco i passi per utilizzare un autoiniettore", "riconosco i segni e i sintomi di una grave reazione allergica" e "sarei in grado di utilizzare efficacemente un autoiniettore se avessi una reazione allergica grave". Tuttavia, le risposte hanno mostrato che il dispositivo era stato effettivamente portato dalla persona che ne aveva bisogno solo il 50% delle volte in cui è stato utilizzato; nel 33% dei casi infatti l'autoiniettore utilizzato è stato fornito da personale medico, nel 7% dei casi da un altro individuo a cui era stato prescritto e nel 6% dei casi è stato fornito da un'istituzione (scuola o luogo di lavoro). Dalle risposte degli intervistati si nota che il costo era considerato una barriera che spinge le persone a non portare con sé gli autoiniettori, tanto che circa il 70% del campione riferiva che costi minori del dispositivo avrebbero aumentato l'accesso.

Ann Allergy Asthma Immunol. 2018. Doi: 10.1016/j.anai.2018.06.010 https://www.annallergy.org/article/S1081-1206(18)30482-4/fulltext

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Un sollievo immediato durante la stagione primaverile

Un sollievo immediato durante la stagione primaverile

A cura di Coswell

La Giunta regionale del Veneto ha approvato il decreto che stabilisce ulteriori progetti nell’ambito della sperimentazione dell’anno 2024 della Farmacia dei servizi, ecco le novità...

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top