Login con

Farmaci e dintorni

17 Gennaio 2019

Tromboembolismo venoso, cerotto per terapia sostitutiva ormonale non aumenta rischi


Le formulazioni di medicinali per la terapia sostitutiva ormonale da assumere per via orale sono associate a un aumento significativo del rischio di tromboembolismo venoso, a differenza di quelle pensate per un uso transdermico. Questa è la conclusione a cui sono giunti gli autori di uno studio pubblicato sul British Medical Journal, guidati da Yana Vinogradova, della University of Nottingham, nel Regno Unito. «Nel 2015, in risposta a un dimezzamento dell'uso della terapia ormonale sostitutiva dopo che due ampi studi avevano sollevato preoccupazioni circa il profilo di sicurezza della terapia stessa, il National Institute for Health and Care Excellence (NICE) ha pubblicato la sua prima linea guida su diagnosi e gestione di sintomi della menopausa nel Regno Unito. La linea guida raccomanda ulteriori ricerche sui rischi della terapia ormonale sostitutiva contenente diversi tipi di progestinici in combinazione con estrogeni. Nel documento è stato inoltre rilevato che il rischio di tromboembolismo appare maggiore per i preparati orali che per il trattamento transdermico» afferma Vinogradova.

Per meglio valutare l'associazione tra rischio di tromboembolismo e uso di differenti tipi di terapia, i ricercatori, utilizzando alcuni database di ricerca in ambito di cure primarie nel Regno Unito, anno accoppiato i dati di 80.000 donne con un primo evento tromboembolico venoso verificatosi tra il 1998 e il 2017 a 390.000 controlli senza eventi di questo genere. Ebbene, l'analisi ha mostrato che il 7,2% dei casi e il 5,5% dei controlli avevano ricevuto prescrizioni per una terapia ormonale nei 90 giorni precedenti l'evento tromboembolico. Dopo aggiustamenti per più variabili, la terapia orale con solo estrogeno è risultata associata a un aumento del rischio per il tromboembolismo venoso (odds ratio: 1,4), e lo stesso è stato visto per quella con estrogeno più progestinico orale (odds ratio: 1,7). In quest'ultimo caso il rischio maggiore si è riscontrato con estrogeno equino coniugato in aggiunta a medrossiprogesterone acetato (odds ratio: 2,1) e quello inferiore con l'uso di estradiolo e didrogesterone (odds ratio: 1,18). Nessuna preparazione transdermica invece è risultata associata al tromboembolismo venoso. «Nel nostro studio, il trattamento transdermico è risultato il tipo più sicuro di sostituzione ormonale quando si valutava il rischio di tromboembolismo venoso. Il trattamento transdermico però appare essere poco usato, e la preferenza generale va in gran parte ancora alle preparazioni orali» concludono gli autori.

BMJ. 2019. doi: 10.1136/bmj.k4810
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30626577

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Fette Proteiche con Quinoa

Fette Proteiche con Quinoa


Presentata a Milano la prima opera di un progetto di arte urbana realizzato da SMOE Studio dedicato agli sport invernali. Limitless è supportata da Sanofi ed è volta a sensibilizzare i ...

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top