Login con

Farmaci e dintorni

04 Aprile 2019

Sigarette elettroniche, rischi per la salute: Fda notifica casi di crisi convulsive


Sigarette elettroniche, rischi per la salute: Fda notifica 35 segnalazioni per crisi convulsive successive all'utilizzo delle sigarette elettroniche

Alcuni utilizzatori di sigarette elettroniche negli Usa sarebbero stati vittime di crisi convulsive, probabilmente riconducibili all'esposizione ad alte concentrazioni di nicotina. La Food and Drug Administration comunica di essere recentemente venuta a conoscenza della possibile insorgenza di convulsioni dovute all'utilizzo di questi apparecchi, e di essere a lavoro per riuscire a fornire dati certi in merito alla possibilità di identificare una relazione causale.
Tramite una nota sullo stato di avanzamento degli studi sugli effetti dannosi dell'uso delle sigarette elettroniche, la Fda ricorda di aver sempre sottolineato sia gli aspetti positivi nell'uso di sigarette elettroniche, un possibile sostitutivo e punto di partenza per smettere definitivamente di fumare, sia quelli negativi, come la diffusione di questi strumenti fra i più giovani, con conseguente aumento del consumo di tabacco in quelle fasce demografiche, ed "il possibile rilascio di alcune sostanze a livelli più alti rispetto alle normali sigarette".
Sebbene la questione del possibile effetto cancerogeno sulle vie aeree sia al momento oggetto di studi tossicologici, la Fda rende nota l'esistenza di segnalazioni secondo le quali si sarebbero verificati casi di convulsioni dopo l'utilizzo delle e-cig, specialmente fra giovanissimi e giovani adulti. Le convulsioni, come spiega la nota, "sono possibili effetti collaterali derivanti dall'avvelenamento da nicotina, e sono state collegate nella letteratura scientifica all'ingestione intenzionale o accidentale di liquido per sigarette elettroniche". Diversi i possibili fattori imputabili: la concentrazione di nicotina variabile nei liquidi, il design dei dispositivi che può permettere una maggiore emissione di liquido in modo più rapido, il comportamento degli utilizzatori che può incrementare l'inalazione di nicotina rispetto a una sigaretta normale. Alcune segnalazioni sarebbero poi imputabili a condizioni patologiche preesistenti, o all'assunzione di altre sostanze.
Un team di revisori si è occupato di esaminare le segnalazioni volontarie riguardanti questi strumenti, ed è riuscita a identificare 35 casi di crisi convulsive successive all'assunzione tra 2010 e 2019. "Sebbene 35 casi possano sembrare pochi rispetto al numero totale delle persone che usano le sigarette elettroniche - spiega la nota - siamo preoccupati per queste segnalazioni".
Pur non essendo possibile al momento sapere "se esista una relazione diretta fra uso di e-cig. e rischio di convulsioni", queste informazioni vengono diffuse dall'organismo di controllo per "comunicare le possibili minacce per la salute associate a prodotti regolamentati oggetto di accertamenti scientifici, e incoraggiare la popolazione a segnalare eventi avversi per incrementare le informazioni disponibili".
L'ente invita infatti all'utilizzo del portale dedicato, il Safety Reporting Portal, e all'immissione di dati quanto più precisi possibile: "Informazioni sullo specifico prodotto usato (inclusa la marca), se è stato modificato o se assunto con altri prodotti, medicazioni, integratori o altre sostanze contenenti tabacco, oltre a informazioni riguardanti l'utilizzo di altri prodotti prima degli eventi avversi, sono fondamentali per approfondire la questione in modo più ampio".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

My Happy

My Happy

A cura di ESTEE LAUDER

Un’indagine che ha coinvolto più di settemila tra operatori sanitari, bambini e ragazzi, con e senza infezione confermata da virus SARS-CoV-2 ha rilevato che i sintomi associati al Long Covid...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top