Login con

Diritto Sanitario

16 Novembre 2011

Ricette completate dal farmacista


La circostanza si configura come esercizio abusivo della professione medica da parte del farmacista. 

La vicenda
Due farmacisti e un medico di medicina generale, erano stati ritenuti responsabili dei reati di falsità ideologica in certificazioni amministrative ed abusivo esercizio della professione medica. Il medico convenzionato, per aver consegnato ricettari a lui intestati, già firmati e timbrati in ogni foglio non ulteriormente riempiti, e i farmacisti per aver provveduto a riempire le ricette in ogni loro parte anche con l’indicazione dei farmaci a carico del Ssn.

Principi di rilievo
Relativamente alla configurazione della falsità ideologica, la Cassazione ha chiarito che per escluderla non può sostenersi che i pazienti destinatari delle prescrizioni fossero realmente affetti da patologie croniche e muniti di piano terapeutico. La ricetta medica è infatti un atto di natura complessa: di certificato e di autorizzazione amministrativa. Con il documento in questione il medico compie una attività ricognitiva che presuppone giudizi e valutazioni. È essenziale che ciascuna prescrizione risponda a valutazioni diagnostiche obiettivamente e accuratamente maturate. Solo il medico – acquisiti gli elementi necessari per una esauriente valutazione clinica del caso – potrà decidere se prescrivere o meno il farmaco o mutare una precedente prescrizione farmacologica. La ricetta svolge anche la funzione di autorizzare il farmacista a consegnare il medicinale, la cui distribuzione è sottratta al libero commercio. Il farmaco non è un comune bene di consumo; oltre ad essere utile è un prodotto pericoloso, anche in condizioni normali di utilizzazione e il cui acquisto deve essere effettuato sotto il controllo del medico. Infine, in capo ai farmacisti è stata confermata la sussistenza del fatto tipico dell''esercizio abusivo della professione medica. La circostanza che la normativa di settore consenta al farmacista, per assicurare la prosecuzione del trattamento di un paziente affetto da patologia cronica, di somministrare medicinali senza la pur necessaria prescrizione medica, non vale a dimostrare la liceità penale del comportamento tenuto. La disciplina regolamentare del 2008 non legittima il farmacista a sostituirsi al medico nell''attività prescrittiva, ma ha introdotto soltanto un''eccezione al divieto di consegnare medicinali senza presentazione di ricetta per i casi di estrema necessità ed urgenza e in presenza di elementi dimostrativi l’attualità del trattamento. [Avv. Rodolfo Pacifico – www.dirittosanitario.net

Cassazione Penale, 8 febbraio 2011

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Il compagno ideale per l’apparecchio ortodontico

Il compagno ideale per l’apparecchio ortodontico

A cura di Curaprox

Allestire la cassetta di pronto soccorso in farmacia con i propri prodotti rientra nell’autoconsumo aziendale, ecco come regolarsi per la gestione fiscale ...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top