Login con

Farmaci e dintorni

16 Novembre 2011

Inibitori di pompa non danneggiano il nascituro


I bambini nati da madri che assumevano farmaci appartenenti alla classe degli inibitori di pompa protonica (Ipp), non presentano un rischio maggiore di sviluppare difetti congeniti. I ricercatori che hanno pubblicato il loro lavoro su The new england journal of medicine, definiscono rassicuranti questi risultati, ma gli esperti continuano ancora a raccomandare di usare il meno possibile i farmaci in gravidanza. La ricerca, che è stata supportata dal Danish medical research council e dalla Lundbeck foundation, ha analizzato un database di quasi 841mila bambini dalla gestazione fino a un anno di vita, valutando l’uso da parte delle madri di Ipp. È stato osservato che la percentuale di difetti si attestava attorno al 3%: 2,6% tra i bambini non esposti a questi farmaci e 3,4% tra quelli esposti. «In generale, questi farmaci sono sicuri, ma per capire se ci sono delle anomalie, serve molto tempo e una lunga esposizione» sostiene Eva Pressman, direttore di Medicina materno-fetale della University of Rochester medical center. «La mia raccomandazione è sempre quella di evitare l’esposizione ai farmaci finché possibile, e i disturbi che richiedono l’uso di Ipp non mettono rischio la vita. Inoltre per ottenere benefici per il bruciore di stomaco si possono assumere antiacidi che agendo localmente non mettono a rischio il feto».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

L'efficacia di probiotici - Simbios

L'efficacia di probiotici - Simbios

A cura di Dr. Schar

Il Tar Marche è intervenuto sull’istituzione di una farmacia succursale chiarendo la legittimità della scelta discrezionale della Pubblica Amministrazione ...

A cura di Avv. Rodolfo Pacifico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top