Login con

Fitoterapia

06 Febbraio 2015

Il caffè, bevanda ubiquitaria. Tra usi locali ed effetti farmacologici


In Portogallo ci mettono il limone, in Germania il gelato ed il cioccolato, in Austria le uova ed il miele. Si tratta del Caffè (C.), la bevanda che da secoli riempie la nostra quotidianità con il suo aroma fragrante ed esotico. Si stima che mediamente una persona adulta consumi 1,3 kg di C. l'anno. Quindi per molti si tratta di un uso cronico con le conseguenze che da esso derivano. Ma quali sono queste conseguenze? È vero che il C. alza la pressione o può influenzare negativamente l'attività cardiaca? Definiamo intanto la bevanda del C. da un punto di vista fitochimico. Si tratta di un estratto acquoso ottenuto dai semi tostati e macinati di Coffea Arabica e/o Robusta. I metodi tradizionali di preparazione possono essere diversi. Ad esempio il C. turco è un decotto non filtrato, l'americano è un percolato, l'espresso all'italiana è un estratto filtrato ad alta velocità e pressione (8-10 atm). Ciò che si ottiene è una miscela di più di 1.000 composti, tra cui spicca la nota caffeina, molecola ad attività stimolante e broncodilatatrice. Si stima che una tazzina di C. ne contenga in media 80 mg contro i 5 mg presenti nel decaffeinato. La caffeina è responsabile di un aumento transitorio di pressione arteriosa tuttavia è stato dimostrato che il C. assunto giornalmente (4 - 5 tazzine al giorno) può avere effetti positivi sia sulla pressione che sul cuore, con un abbassamento significativo del rischio di mortalità. Oltre la caffeina nel C. sono presenti anche alcoli diterpenici (aumentano le LDL e i trigliceridi nel sangue), e l'acido clorogenico, responsabile di un effetto positivo sul metabolismo del glucosio (abbassamento del rischio di diabete tipo 2). Quest'ultimo effetto, associato a quello termogenico della caffeina, è responsabile anche dell'azione "normalizzante" sul peso. Gli effetti negativi sul colesterolo sono invece da attribuirsi solo al C. non filtrato, la cui assunzione sembra anche provocare incrementi ematici di omocisteina. Si richiama particolare attenzione alle donne in menopausa perché il C. può aumentare l'escrezione di calcio con le urine e di conseguenza peggiorare l'osteoporosi. Questo inconveniente può essere tuttavia aggirato aggiungendo un paio di cucchiaini di latte per ogni tazzina di C. bevuto. Infine, ma non per ultima, c'è l'azione tonica sul sistema nervoso che può essere vantaggiosa per alcuni soggetti ma in altri può creare spiacevoli effetti avversi quali irritabilità, mal di testa, ansia, etc. Ricordo infine che la caffeina può aumentare gli effetti avversi di alcuni farmaci co-somministrati come la fluvoxamina, la clozapina, la mexiletina in quanto condivide con essi lo stesso sito di metabolizzazione microsomiale (CYP450 1A2).

Angelo Siviero
Farmacista esperto in fitoterapia e galenica
info@fitovallee.com

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Il nuovo pasto sostitutivo dal gusto irresistibile

Il nuovo pasto sostitutivo dal gusto irresistibile


La Basilicata registra un bilancio positivo al termine del primo mese di sperimentazione della “Farmacia dei Servizi”, coinvolgendo 130 farmacie nelle due province. Dati da 75 strutture mostrano...

A cura di Giulia Vismara

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top