Login con

Nutrizione

14 Luglio 2016

Pesce: il freddo riduce rischi di intossicazioni da istamina


La quantità di istamina nel pesce fresco o nel pesce lavorato e confezionato è un valore monitorato dalle Autorità di Controllo per ragioni di salute pubblica, soprattutto d'estate, quando aumenta il rischio di intossicazioni alimentari. L'istamina è un'amina biogena che si forma per decarbossilazione dell'amminoacido istidina, rilasciata nel nostro organismo in seguito a reazioni anafilattoidi. In ambito alimentare è considerata una tossina, che si accumula nei tessuti animali in seguito a modalità di conservazione non corrette (temperature elevate) e per questo motivo le quantità nei prodotti sono controllate e regolate per legge.

I prodotti interessati sono i pesci e alcuni derivati, responsabili della cosiddetta "sindrome sgombroide", che si manifesta in seguito al consumo di alimenti contenenti elevate quantità di tossina. I sintomi, simili a quelli di comuni reazioni allergiche sono rush cutaneo, prurito, nausea vomito, fino a vertigini e disturbi respiratori. Le carni rosse di alcuni pesci "forti nuotatori" ne contengono naturalmente quantità elevate: un esempio è il tonno, dove i livelli di istamina libera possono arrivare fino a 1500mg/100g. In generale il pesce appena pescato non contiene la tossina: la sua formazione è invece innescata da specifici microrganismi presenti sui tessuti, non appena cominciano i processi di degradazione post-mortem, soprattutto se non sono da subito osservate le corrette condizioni di conservazione, cioè temperature inferiori a 6°C (la conversione ad istamina è massima fra i 27 e i 28 °C). I pesci che più facilmente possono scatenare questa sindrome sono appunto gli sgombri, il tonno, il tonno a pinne gialle, le acciughe, le sardine e le alici.

Ne è contenuta meno in crostacei, molluschi e nei pesci a carne bianca. La dose di istamina considerata sicura nel pesce è inferiore a 50mg/kg, mentre tossici sono valori superiori a 1000. Alti livelli di istamina sono quindi un indicatore per valutare la freschezza del pesce (oltre che delle modalità di lavorazione applicate), ma non sono necessariamente collegati a un'alterazione delle caratteristiche organolettiche: un pesce con valori elevati di istamina può ancora avere caratteristiche di odore, sapore e colore compatibili col consumo. L'Istamina inoltre non si degrada con la cottura né con il congelamento e può formarsi anche dopo l'apertura delle confezioni di pesce lavorato (tonno, sardine in scatole). È quindi importante, soprattutto nella stagione estiva, per ridurre il rischio di intossicazione, che la catena del freddo non sia interrotta e che durante il trasporto a casa e la conservazione domestica, il pesce, in particolare se fresco, sia mantenuto a temperature di frigorifero, tali da non consentire lo sviluppo della tossina.


Francesca De Vecchi- esperta in scienze e tecnologie alimentari

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Body Composition

Body Composition

A cura di Lafarmacia.

È nata “Epatite C. Mettiamoci un punto”, campagna multicanale di sensibilizzazione per favorire una maggior conoscenza dell'infezione da Hcv e dell'importanza del test di screening

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top