Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

L’Ipasvi vuole gli infermieri in farmacia


Non piace agli infermieri italiani il decreto legislativo sui nuovi servizi in farmacia in discussione al Senato, che riduce significativamente la possibilità di ottenere prestazioni infermieristiche direttamente all''interno degli esercizi

Questa la posizione di Annalisa Silvestro, presidente dei Collegi degli infermieri Ipasvi, che critica lo schema di Decreto legislativo illustrato la scorsa settimana alla Commissione Igiene e sanità di Palazzo Madama dal relatore Luigi D''Ambrosio Lettieri (Pdl). "L''attuale versione del decreto legislativo - afferma la Silvestro in una nota - svuota di significato la presenza degli infermieri in farmacia, prevedendo di fatto prevalentemente l''assistenza domiciliare. Con questa limitazione, non indicata dalla delega e di cui non esiste base giuridica o professionale, si depotenzia la grande carica innovativa che questa normativa potrebbe avere a vantaggio dei cittadini". Il dgls sui nuovi servizi erogati dalle farmacie, infatti, è stato approvato in via preliminare dal Consiglio dei ministri il 31 luglio ed è adesso al vaglio delle Commissioni competenti del Senato e della Camera. Ma contrariamente alle aspettative, il testo limita per le farmacie la possibilità di avvalersi di infermieri per lo svolgimento delle prestazioni infermieristiche tra cui anche le vaccinazioni. A tale prospettiva si erano dichiarati contrari i medici di famiglia.

"Siamo di fronte a un pasticcio, causato forse dal fatto che si è voluto dare ascolto a gruppi evidentemente poco interessati all''opportunità che i cittadini fruiscano di un servizio infermieristico capillare, come quello garantito attraverso le farmacie", obietta la Silvestro. "Noi comunque ci batteremo affinch�, nella versione finale del decreto che verrà rinviato al Governo, cadano queste immotivate limitazioni all''attività degli infermieri e venga assicurato un servizio che risponda alle esigenze dei cittadini". Una posizione, quella di Silvestro, pienamente condivisa da Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. “E’ la conferma che la proposta che avevamo avanzato, poter contare sugli infermieri professionali nelle farmacie di comunità, risponde a un reale bisogno di salute della collettività, un bisogno che è ben presente a tutte le professioni sanitarie vicine al cittadino. L’impegno degli oltre 400 mila tra infermieri e farmacisti è far sì che il testo del decreto recepisca questa innovazione”.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

I Financier alle mandorle Céréal

I Financier alle mandorle Céréal


La proposta della figura dell’assistente del farmacista rischia di erodere dall’interno la professionalità e l’identità del farmacista oltre a creare spazi per derive nelle offerte...

A cura di Francesca Giani

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top