Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Il costo della promozione al pubblico


La pubblicità diretta al pubblico sui farmaci con obbligo di ricetta, consentita solo negli Stati Uniti e in Nuova Zelanda e oggetto di dibattito in Europa, non ha effetti sensibili sul numero delle prescrizioni che vengono effettuate dai medici, ma costringe solo le industrie produttrici a innalzare i prezzi dei loro medicinali

E'' quanto emerge da uno studio condotto dalla University of British Columbia di Vancouver (Canada), che appare sulla rivista Archives of Internal Medicine. Si prenda ad esempio l''antiaggregante clopidogrel  di Bristol-Myers Squibb/Sanofi-Aventis: è apparso sul mercato nel 1998, ma le campagne promozionali avviate nel 2001 non hanno dato risultati significativi quanto ad aumento delle vendite. Viceversa, un sensibile aumento del prezzo di questo farmaco è stato registrato proprio dopo che le due società hanno iniziato a mandare in onda gli spot su radio e tv: secondo i calcoli dell''autore della ricerca, Michael Law, la pubblicità su questo prodotto è costata al programma americano di assistenza sanitaria Medicaid un extra di 207 milioni di dollari fra il 2001 e il 2005. Dalle analisi emerge infatti che il prezzo del clopidogrel è aumentato del 12% subito dopo il 2001, con tutta probabilità per coprire i costi della promozione, pari a 350 milioni di dollari sempre fra il 2001 e il 2005. La spesa totale delle aziende farmaceutiche americane in pubblicità è aumentata del 330% negli ultimi 10 anni e nel 2006 il Government Accountability Office ha calcolato che per ogni dollaro speso in spot, se ne guadagnano due in vendite. Ma nel settembre 2008 un precedente studio, guidato sempre da Law, ha evidenziato per la prima volta come questa pratica, nei fatti, non paghi.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Nuovo appuntamento con “Battiti Per Il Cuore”

Nuovo appuntamento con “Battiti Per Il Cuore”

A cura di Viatris

Un nuovo approccio offre la possibilità di comprendere le potenziali implicazioni della co-somministrazione di farmaci: alcuni comunemente prescritti...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top