Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Appello a Cina contro studi copiati


Un appello al Governo cinese per il controllo della ricerca e contro studi ''copiati'' da studiosi scorretti. Il monito arriva dalla rivista britannica ''Lancet'' che riporta la frode, messa in atto da due gruppi di chimici cinesi, costretti a ritirare 70 pubblicazioni interamente copiate. Pechino, si chiede dalle pagine della rivista scientifica, "deve intervenire con forza contro le frodi scientifiche compiute dai propri cittadini. Se il presidente Hu Jintao vuole davvero che la Cina diventi entro il 2020 una superpotenza nel campo della ricerca, il suo Paese deve assumersi vere responsabilità nel campo dell''integrità scientifica". Le pubblicazioni sotto accusa sono del 2007, riporta Asianews. Una rivista specializzata per chimici, Acta Crystallographica Section E, ha analizzato le scoperte pubblicate dai cinesi nella cristallografia (la scienza che trasforma gli atomi in solidi) e ha scoperto che almeno 70 strutture definite ''nuove'' sono in realtà basate su strutture molecolari già note, a cui i chimici asiatici hanno aggiunto uno o due atomi. La frode è stata scoperta grazie a un programma di computer che compara le strutture molecolari. I due gruppi di chimici sono entrambi dell''università Jinggangshan, nel Jiangsu, e sono guidati da Hua Zhong e da Tao Liu. Il gruppo del primo ha ritirato 41 pubblicazioni, mentre il secondo 29. Ma secondo il giornale che ha scoperto la truffa, le falsificazioni potrebbero essere di più. Non si tratta del primo scandalo di questo genere nel campo delle pubblicazioni scientifiche. Tra i più noti quello che ha riguardato il cosiddetto "pioniere della clonazione umana", il sudcoreano Hwang Woo-suk, che ha usato la rivista ''Science'' per annunciare al mondo di aver clonato cellule staminali embrionali. Ma i dati pubblicati tra il 2004 e il 2005 si sono poi rivelati falsi. Ad oggi, gli scienziati cinesi sono i più prolifici in fatto di pubblicazioni scientifiche: l''11,5 % delle 271 mila pubblicazioni del campo apparse lo scorso anno provengono proprio dalla Cina. Il Governo, però, non impone, come accade in altri Paesi, controlli nazionali sugli studi.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

La prevenzione quotidiana si fa in quattro- Armolipid

La prevenzione quotidiana si fa in quattro- Armolipid

A cura di Mylan

La Giunta Federale di Assofarm ha rinnovato i membri dell'Ufficio di Presidenza, nominato la Commissione per le Relazioni Industriali e definito la città che...

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top