Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Gli SSRI rallentano la lattazione


Le donne che assumono farmaci inibitori del reuptake della serotonina (SSRI) possono avere ritardi nella lattazione dopo la nascita del bambino. Lo sostiene uno studio osservazionale che ha coinvolto 431 neomamme e che, in colture di cellule mammarie umane e animali, ha verificato l’influenza degli SSRI e di altri farmaci che agiscono sulla serotonina. La produzione di latte nelle pazienti in terapia antidepressiva con SSRI è sopraggiunta in media dopo 85,8 ore dalla nascita del bambino, mentre le mamme che non assumevano il farmaco il latte era già disponibile dopo 69,1 ore. Un ritardo non trascurabile dal momento che, come ricordano gli autori, l’attivazione secretoria è considerata in ritardo già dopo 72 ore dal parto. Le osservazioni condotte in laboratorio hanno messo in evidenza che gli SSRI alteravano la funzione di barriera nelle ghiandole mammarie e l’effetto era amplificato dalla co-somministrazione di inibitori delle mono-amminossidasi (IMAO), inoltre il trattamento delle cellule con fluoxetina provocava un’involuzione localizzata. E’ quindi evidente che i farmaci che intervengono sugli equilibri della serotonina alterano la secrezione lattea, e nelle pazienti che li stanno assumendo è necessario intervenire per garantire che l’allattamento al seno inizi al più presto.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Quest’anno il Natale è una coccola di benessere

Quest’anno il Natale è una coccola di benessere

A cura di Lafarmacia.

Anemia in donne con mestruazioni abbondanti o per maggiore richiesta di ferro per lo sviluppo del bebè in gravidanza e allattamento. Ecco i suggerimenti FIP per queste pazienti

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top