Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Garattini, più trasparenza sui nuovi farmaci Ue


Serve più trasparenza sull''approvazione dei nuovi farmaci in Ue. “Sono necessarie variazioni urgenti per porre termine al segreto che circonda da sempre l''attuale procedura di approvazione di nuovi farmaci in Europa". A chiederlo sono Silvio Garattini, direttore dell''Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano, e il suo collaboratore Vittorio Bertel�, che firmano un articolo pubblicato oggi sul British Medical Journal. I dubbi recentemente emersi in merito ai supposti benefici dell''antinfluenzale oseltamivir, si legge in una nota diffusa dal Mario Negri, hanno riacceso il dibattito sulla necessità di chiarezza. "Una maggiore trasparenza - afferma Garattini - consentirebbe una più ampia valutazione dei dossier di registrazione, da parte della comunità scientifica e non, contribuendo a definire in modo più puntuale il profilo rischio-beneficio dei nuovi farmaci, prima della loro immissione in commercio". Garattini e Bertel� suggeriscono che il recente trasferimento dell''agenzia regolatoria europea Ema (nuova sigla dell''Emea, European Medicines Agency) alla Direzione salute pubblica potrebbe rappresentare una buona opportunità in questo senso. In precedenza, infatti, l''Ema dipendeva dalla Direzione imprese e industria. Le industrie farmaceutiche sostengono fermamente il loro diritto alla segretezza, a protezione dei pesanti investimenti necessari allo sviluppo di un farmaco, osservano i due scienziati. L''opinione di Garattini e Bertel� è "che tale diritto sia legittimo, ma possa essere salvaguardato mantenendo la riservatezza su pochi aspetti del dossier dei farmaci. In quanto parte attiva nello sviluppo dei farmaci, il pubblico deve poter accedere alla maggior parte delle informazioni disponibili", insistono i due farmacologi. "Abolire la confidenzialità dei dati - conclude Garattini - aiuterebbe a rendere il sistema più trasparente, fornirebbe a medici e pazienti informazioni su cui basare una critica costruttiva, darebbe nuova fiducia, migliorerebbe la ricerca industriale. Restituirebbe inoltre credibilità alle autorità regolatorie, a conferma che il diritto alla salute prevale sugli interessi industriali".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Gambe gonfie e senso di pesantezza?

Gambe gonfie e senso di pesantezza?

A cura di Lafarmacia.

La Società Italiana di Telemedicina si arricchisce di una nuova Commissione con l’istituzione della Commissione SIT di Telefarmacia

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top