Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Sanzioni alle farmacie, pubblicato il decreto


E'' stato pubblicato il decreto che stabilisce le modalità di attuazione delle sanzioni previste per il mancato rispetto delle quote di spettanza da parte delle aziende farmaceutiche, dei grossisti e delle farmacie

E'' stato pubblicato il decreto del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali che stabilisce le modalità attuative dell''applicazione delle sanzioni per il mancato rispetto delle quote di spettanza da parte delle aziende farmaceutiche, dei grossisti e delle farmacie. In attuazione di quanto previsto dalla legge 77/2009, recante interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici nella regione Abruzzo l''articolo 13 stabilisce una rideterminazione, per i medicinali equivalenti, delle quote di spettanza sul prezzo di vendita al pubblico, fissate per le aziende farmaceutiche nel 58,65%, per i grossisti 6,65% e per i farmacisti 26,7%; la rimanente quota dell''8% deve essere ridistribuita tra farmacisti e grossisti secondo le regole di mercato, ferma restando la quota minima per la farmacia del 26,7%. Il mancato rispetto delle suddette quote di spettanza, anche mediante cessione di quantitativi gratuiti di farmaci o di altra utilità economica, comporta l''applicazione di sanzioni per tutta la filiera del farmaco. In particolare, per la farmacia, è prevista l''applicazione della sanzione pecuniaria amministrativa da 500 a 3.000 euro e, in caso di reiterazione della violazione, l''autorità amministrativa competente può ordinare la chiusura della farmacia per un periodo di tempo non inferiore a 15 giorni. Il decreto in esame, in vigore dal 20 gennaio 2010, fissa le modalità di attuazione delle sanzioni e stabilisce che il farmacista può pagare la sanzione amministrativa nella misura ridotta, pari a euro 1.000, se effettua il pagamento entro il termine di sessanta giorni dalla contestazione immediata o, se questa non vi è stata, dalla notificazione degli estremi della violazione. E'' previsto inoltre che l''autorità amministrativa competente che ordina la chiusura della farmacia ne deve dare comunicazione al Ministero della salute, Direzione generale dei farmaci e dei dispositivi medici, e all''AIFA.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

La nuova strategia uniformante anti-macchia

La nuova strategia uniformante anti-macchia

A cura di Somatoline

Tribulus terrestris nota anche come "Gokhura è apprezzata a livello globale e utilizzata per scopi medicinali usata in numerose preparazioni farmaceutiche e ...

A cura di Fabio Milardo - erborista

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top