Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Se l’integratore tale non è


Il servizio di Farmacovigilanza e fitovigilanza dell''università di Firenze e il Centro di riferimento per la fitoterapia della Regione Toscana mettono in guardia contro i rischi legati all''assunzione di integratori e prodotti vegetali di dubbia provenienza

Il centro ha comunicato che è in corso una ricerca nazionale, finanziata dal ministero della Salute con un fondo per i giovani ricercatori, che ha lo scopo di definire efficacia e sicurezza dei prodotti a base di erbe, in particolare di quelli della medicina tradizionale cinese, coordinata dal dottor Alfredo Vannacci. "In collaborazione con l''Istituto superiore di sanità - afferma Vannacci - ci siamo innanzitutto posti l''obiettivo di capire quanti pazienti utilizzino questi prodotti e quanti medici li prescrivano. In una seconda fase condurremo una serie di analisi di tipo epidemiologico, clinico e di laboratorio, che ci fornirà importanti informazioni sull''efficacia e sulla sicurezza dei prodotti a base di erbe. La ricerca avrà una durata di tre anni".  Le ultime segnalazioni di integratori vegetali contaminati con farmaci, evidenzia una nota, non sono casi isolati. Il più recente è quello dell''estratto di noce contaminato con un derivato del sildenafil  di origine cinese e commercializzato in tutta Italia da una ditta di Prato, ma è storia recente anche la contaminazione con sibutramina di un lassativo vegetale che è costata la squalifica al calciatore della Fiorentina Adrian Mutu. Secondo Fabio Firenzuoli, responsabile del Centro di riferimento per la Fitoterapia della Regione Toscana, “Molti pazienti scelgono i prodotti naturali perch� li immaginano più sicuri dei farmaci di sintesi, e tante volte essi non sono solo sicuri, ma anche efficaci e vantaggiosi. I problemi possono sorgere con il fai da te, o andando a raccogliersi le erbe nei campi, oppure affidandosi a Internet o altri canali non ufficiali. Qui, prodotti naturali adulterati insidiano prima di tutto la salute del paziente, oltre al suo portafoglio, ma anche la professionalità di tante aziende, dei medici, dei farmacisti e degli erboristi che conducono il loro lavoro con serietà", precisa.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Bepanthenol Tattoo Crema Solare Protettiva SPF 50+

Bepanthenol Tattoo Crema Solare Protettiva SPF 50+

A cura di Bayer

Senso di annebbiamento del cervello, sonno non riposante e dolore muscolare sono i segnali più comuni e spesso la condizione è associata a sindrome...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
chiudi

©2023 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top