Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

La preoccupazione dei collaboratori


La FIAFANT (Federazione Italiana dei Farmacisti Non Titolari) ha rilasciato un comunicato a proposito della manovra economica e degli effetti che avrà sulle farmacie. �La manovra del Governo sulle farmacie la pagheranno i dipendenti e, soprattutto, i farmacisti collaboratori� si legge nella nota .�A noi preme lanciare un urlo d’allarme per il futuro degli oltre 60.00 dipendenti da farmacia e relative famiglie. La crisi e la manovra del Governo sono un forte schiaffo al reddito dei titolari di farmacia ma, per loro, niente paura! Le attuali norme che li tutelano dalla concorrenza (�) fanno si che gran parte del loro reddito rimarrà invariato; come?? è semplice, licenziando il personale�. La Fiafant chiede poi che a fronte delle misure previste si adottino dei meccanismi di controllo sulla pratica dell’abusivismo professionale in farmacia; che venga codificata e applicata una pianta organica del personale e che si studi in tempi brevi un meccanismo diverso di remunerazione dei servizi in farmacia che abbia un effetto sui dipendenti. �Comprendiamo i timori espressi dai rappresentanti dei colleghi che operano come collaboratori nelle farmacie, ma non possiamo che mettere tutti in guardia dal pericolo che comportano le divisioni all’interno della professione. Mai come oggi mi sembra fondamentale che si ragioni in una logica di comparto, avendo presente che le difficoltà indotte dalla crisi si superano insieme o non si superano affatto� ha commentato il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti, Andrea Mandelli. E’ convinzione della Federazione che una farmacia depotenziata nelle professionalità che le danno vita non sia in grado di mantener ere l’efficacia e l’efficienza che da sempre contraddistinguono il servizio reso, ma è altrettanto evidente che la difesa dell’occupazione deve passare attraverso la revisione di alcuni principi che reggono ora il servizio farmaceutico. �Del resto - conclude Mandelli - lo stesso comunicato della Fiafant elenca tra i correttivi alcune misure che la Federazione ha da tempo fissato come obiettivi, come una diversa forma di remunerazione e la valorizzazione delle competenze professionali richieste dall’introduzione dei nuovi servizi�. La Federazione, come sempre, intende restare il riferimento per tutte le componenti della professione.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Dottor Ettore Stuani Skin Care

Dottor Ettore Stuani Skin Care


Fabrizio Savoldi è il nuovo General Manager di Theramex Italia. “Sono entusiasta di questo nuovo capitolo del mio percorso professionale e non vedo l’ora di guidare l’azienda in questo momento...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top