Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2011

Il placebo ha fatto il suo tempo

di C. Ignaccolo


Modificare le leggi europee sulle sperimentazioni cliniche, per ridurre il peso degli interessi delle industrie farmaceutiche. E'' questo, in sintesi, l''appello lanciato da Silvio Garattini, direttore dell''Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano. "E'' importante � ha detto Garattini margine di un convegno milanese sull''etica della sperimentazione clinica organizzato dalla Fondazione europea Dragan - che venga richiesta dall''EMEA, l''Agenzia europea del farmaco, la dimostrazione del valore aggiunto di un medicinale, e che almeno uno dei due studi necessari per dimostrare l''efficacia e il rapporto beneficio-rischio sia condotto da un''organizzazione indipendente e non solo dalle industrie". Sul funzionamento dell''EMEA Garattini auspica un cambio radicale: "è necessario - spiega - che si tolga il segreto che esiste intorno a tutta l''attività di registrazione dei nuovi farmaci, in modo da avere una maggiore trasparenza". L''esperto considera inoltre un "fatto anomalo" che l''EMEA risponda al Direttorato generale dell''industria. "Dovrebbe piuttosto - chiarisce - rispondere a quello della sanità, come tutte le agenzie del farmaco che esistono nei diversi Paesi europei". l problema, aggiunge, è che "nel campo dei trial clinici ha acquisito sempre più importanza l''industria farmaceutica che oggi finanzia quasi l''80% delle sperimentazioni per i farmaci. Questo crea problemi di natura etica perch� è chiaro che il suo interesse è quello di poter fare andare avanti i suoi prodotti". Secondo Garattini, servono confronti fra i farmaci, e non fra medicinali e placebo, e "purtroppo la legislazione europea non aiuta perchè non li chiede", incalza. "Basta che un farmaco sia uguale o non inferiore all''altro, non deve avere nessun valore aggiunto". Un meccanismo ''non etico'', secondo l''esperto, perch� di fatto "permette l''utilizzo dei malati per scopi commerciali che non hanno niente a che fare con l''interesse delle persone. Da questo circolo vizioso si può uscire solo modificando le leggi". Un altro problema che sta diventando cronico, conclude, "è il continuo aumento del prezzo dei farmaci che oggi, per certe patologie, raggiunge cifre nell''ordine di centinaia di migliaia di euro l''anno. Bisogna sviluppare il concetto del risk-sharing'''', ovvero dividere il rischio, e soprattutto i costi, fra Stato e aziende produttrici e far pagare al SSN le cure innovative solo per quei pazienti che ne traggono davvero benefici.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Al Gemelli arrivano le App MyPancreas e Butterfly

Al Gemelli arrivano le App MyPancreas e Butterfly


È operativa la prima parte della riforma Irpef, tra le varie misure, la rimodulazione di aliquote e scaglioni e il taglio delle detrazioni spettanti per...

A cura di Francesca Giani

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top