Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2011

Risarcire prima la malasanità


Pazienti danneggiati  
Risarcimenti "in tempi ragionevolmente brevi" per i cittadini in caso di errori del Servizio sanitario nazionale, "evitando loro lunghe trafile giudiziarie dall''esito incerto, e molto onerose, tanto sul piano economico che psicologico. Ed evitando al contempo di incrementare un clima conflittuale che un lungo contenzioso alimenta, con inevitabili ricadute sulla serenità degli operatori sanitari". Così il ministro della Salute Livia Turco, intervenuta oggi al secondo Forum sul rischio clinico in svolgimento ad Arezzo. E'' un tema che "sta particolarmente a cuore" a Turco che rimarca come il Ddl sull''ammodernamento del Ssn approvato poche settimane fa dal Consiglio dei ministri contenga anche questi temi. "Il Ddl su questo punto - dice in una nota - estende la responsabilità civile per la condotta del personale medico e non medico alla struttura sanitaria di appartenenza, prevedendo quindi la relativa copertura assicurativa o, in alternativa, la introduzione di forme di garanzia equivalenti. Si prevede inoltre, che le Regioni provvedano a regolare la definizione stragiudiziale delle vertenze, con l''introduzione di camere di conciliazione, alle quali il paziente che ritiene di avere subito un danno può accedere gratuitamente ottenendo un giudizio celere, imparziale e autorevole. In questo modo - incalza - si riuscirà a sottrarre la gestione del rischio dalla tendenza a una gestione privata per ricondurla a una governance collettiva. Non è giusto che situazioni che hanno, spesso, la loro genesi nella collettività vengano poi scaricate sui singoli individui e vissute privatamente da questi". Turco ha poi ricordato che gli italiani, dati Istat alla mano, hanno dato "una valutazione positiva dei servizi sanitari. Dunque il Ssn è un corpo sostanzialmente sano. Si tratta di un sistema che, tuttavia, in tema di sicurezza delle cure, fa i conti con nodi strutturali che esigono di essere affrontati e risolti una volta per tutte. E su questo punto il Ddl si propone di realizzare un governo clinico per prevenire i fattori di rischio e garantire una efficace governance del rischio".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Contro stanchezza e spossatezza d’autunno

Contro stanchezza e spossatezza d’autunno

A cura di Uragme

Un nuovo studio dimostra che bassa glutammina negli atleti di sport da combattimento può aumentare il rischio di infezioni respiratorie

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top