Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Dopo la Manovra grossisti con il fiato sospeso


Sono passati due mesi dall’entrata in vigore della Manovra estiva e le aziende della distribuzione intermedia hanno ormai preso le misure alla “sforbiciata” che a fine luglio ha tagliato del 3,65% i loro margini. C’è chi ha modificato il mix dei propri servizi e chi invece ha ottimizzato i costi, ma tutti attendono con il fiato sospeso quello che potrebbe uscire dai due grandi cantieri che nei prossimi mesi ridisegneranno la farmacia, la riforma della remunerazione e quella del servizio farmaceutico. Confermano Carmelo Riccobono, presidente di Adf (Associazione distributori farmaceutici) e Paolo Tagliavini, presidente di Federfarma servizi, ai quali Farmacista33 ha chiesto un primo bilancio della stangata estiva.

Come hanno reagito alla Manovra le aziende associate? Quali sono le previsioni per i mesi a venire?
Riccobono: �Le nostre imprese si sono orientate principalmente verso il contenimento dei costi e dei servizi più onerosi; sono stati ridotte o eliminate le agevolazioni non necessarie e le prestazioni collaterali offerte finora a titolo gratuito�. Tagliavini: �Le nostre associate sono cooperative, la cui mission è quella di sostenere le farmacie. La scelta dunque non poteva che essere quella di ridurre gli utili per non intaccare il supporto assicurato ai titolari�.

Quali sono le previsioni per questa seconda parte dell’anno?
Riccobono. �è presto per fare stime, di certo tra le aziende si respira disappunto per i provvedimenti subiti a luglio e una certa preoccupazione per il bilancio 2010�.
Tagliavini: �Per ora si può dire che siamo riusciti a tamponare, ma se nei prossimi mesi dovessero esserci altri provvedimenti infausti, non riusciremmo più a garantire l’attuale livello di servizio�.

In attesa che si completi il giro di audizioni in Senato sulla Gasparri-Tomassini, per fine mese dovrebbe aprirsi il tavolo sulla riforma della remunerazione delle farmacie. Che cosa vi aspettate?
Riccobono: �Dovrebbe essere l’occasione per mettere a fuoco e analizzare formule di remunerazione del grossista complementari a quella � peraltro essenziale � già in vigore, basata sulla percentuale del prezzo al pubblico�.
Tagliavini: �L’auspicio è che dal tavolo emerga una soluzione capace di ridare stabilità alla farmacia sul lungo periodo. è anche nostro interesse garantire che la farmacia sappia sempre mostrarsi in linea con le attese della collettività�.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Mantenere l’intestino attivo in caso di cambio di dieta

Mantenere l’intestino attivo in caso di cambio di dieta


Il 1° marzo entra in vigore il nuovo modello di remunerazione delle farmacie che prevede un nuovo calcolo delle spettanze ma è anche uno “strumento per ...

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top