Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Lombardia, opportunità nel nuovo piano sanitario


Si chiama Creg (Cronic related group) il progetto che la Regione Lombardia lancerà nel 2011 per l’assistenza sul territorio dei pazienti cronici. Dei suoi contenuti c’è appena una traccia nel Piano sociosanitario approvato nei giorni scorsi dal Consiglio regionale, ma la Direzione generale sanità ne ha già presentato le linee guida ad Asl e aziende ospedaliere. In sostanza, verrà traslato sul territorio il meccanismo dei drg ospedalieri: l’erogazione dell’assistenza avverrà per pacchetti di prestazioni definiti in base al percorso diagnostico-terapeutico e remunerati secondo un meccanismo di budget. Ma la vera novità riguarda gli erogatori: per garantire la continuità delle cure sarà un unico soggetto, controllato dalle Asl, ad assicurare le prestazioni; l’assegnazione avverrà per contratto e la scelta ricadrà sull’erogatore che dimostrerà di saper offrire il pacchetto migliore a parità di costo. In sintesi il progetto Creg profila una competizione tra erogatori che finirà per mettere in gara i medici di famiglia (organizzati in gruppi tipo Utap), gli ospedali (che andranno a “procacciarsi” gli assistiti sul territorio) e il privato no profit (che in Lombardia gode tradizionalmente di grande attenzione). E le farmacie? A parte un accenno nel capitolo relativo allo sviluppo del Siss nei progetti della Direzione generale Sanità non c’è traccia di loro, ma Federfarma Lombardia sta seguendo con interesse l’operazione Creg, ovviamente nella prospettiva della farmacia dei servizi. «All’assessorato abbiamo già presentato una proposta» spiega Giovanni Petrosillo, segretario di Federfarma Lombardia «che affida alla farmacia un ruolo di orientamento nei confronti del paziente che deve accedere ai servizi sul territorio. Questo per iniziare, perché una volta pubblicati i decreti attuativi sui nuovi servizi, non escludiamo che le farmacie lombarde possano diventare anch’essere erogatrici di pacchetti di servizi, per esempio nell’assistenza domiciliare».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Para-probiotici e prebiotici:  perché sono utili non solo per l’intestino?

Para-probiotici e prebiotici: perché sono utili non solo per l’intestino?

A cura di Alfasigma

Un nuovo studio dimostra che bassa glutammina negli atleti di sport da combattimento può aumentare il rischio di infezioni respiratorie

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top