Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Cosafaca: servizi richiesti anche a pagamento


L’esperienza sarda merita di essere studiata non solo per la composizione dell’offerta ma anche per la formula economica che la contraddistingue. I servizi proposti da Co.sa.fa.ca. attraverso le farmacie associate, infatti, sono per la maggior parte a carico dell’assistito, mentre quelli rimborsati sono contrattati direttamente con le Asl del territorio. In altri termini, non è stato necessario attendere una convenzione – nazionale o regionale – per mettere in piedi servizi che la clientela è anche disposta a pagare di tasca propria. «Quando la farmacia ti consente di evitare inutili code o accedere in un colpo solo a servizi per i quali nelle strutture pubbliche occorrerebbe rivolgersi a più sportelli» commenta Laila Valentini, responsabile marketing della cooperativa «la gente diventa più disponibile a mettere mano al portafoglio, anche perché le tariffe sono comunque accessibili. In più va considerata la realtà geografica dell’isola, ricca di piccoli centri sparsi in zone rurali dove la farmacia è l’unico vero presidio sanitario disponibile». I dati forniti dalla cooperativa lo confermano: soltanto nel 2009, nelle oltre duecento farmacie che hanno proposto il pacchetto Farmacheck, sono stati erogati screening a circa 58mila pazienti; il pacchetto Home care, invece, può vantare una media mensile di un centinaio di consulenze, cinquanta consegne a domicilio di presidi per disabilità e mille ausili venduti nelle farmacie. L’esperienza sarda, a dire il vero, è talmente “anomala” che dai decreti attuativi rischiano di arrivare più danni che benefici. «Così come sono usciti dalla Stato-Regioni» spiega Valentini «i testi ci costringerebbero a tagliare prestazioni già avviate come il test del Psa e il monitoraggio del Pt, servizio quest’ultimo che sono le stesse Asl a chiederci per decongestionare i centri Tao. Valuteremo il da farsi una volta che i decreti saranno pubblicati in Gazzetta, la speranza è di riuscire a conservare questi servizi attraverso la convenzione regionale».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Neobianacid, efficacia non inferiore a omeprazolo

Neobianacid, efficacia non inferiore a omeprazolo


In India le aziende stanno sviluppando prodotti antiobesità e diabete, in attesa della scadenza del brevetto di prodotti a base di semaglutide (Novo Nordisk),...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top