Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Remunerazione, Assofarm per una sperimentazione sul campo


Avviare una sperimentazione per testare sul campo, ossia in farmacia, quel modello misto che dovrebbe essere discusso al tavolo sulla riforma della remunerazione, ancora in attesa di istituzione dallo scorso settembre. E’ l’idea che arriva da Assofarm nel tentativo di “forzare” i tempi e convincere la parte pubblica che la riforma non conviene solo ai titolari ma anche al Ssn. Il progetto è ancora in fase di sviluppo ma le linee essenziali sono già chiare, a tal punto che l’associazione delle farmacie pubbliche ha già avviato contatti con due amministrazioni, Toscana e Lombardia, per coinvolgerle nella sperimentazione: «L’idea» spiega il vicepresidente di Assofarm, Francesco Schito «è quello di individuare quattro cinque farmacie in due diversi comuni, uno per regione, per una popolazione di circa 20mila abitanti ciascuno. In questi presidi verrebbe testato per alcuni mesi un modello di remunerazione imperniato sul “fee for service”: le farmacie, in sostanza, metterebbero in campo servizi di pharmaceutical care come spacchettamento delle confezioni, farmacovigilanza, verifica della compliance e così via. Attraverso indicatori di risultato concordati, i servizi sanitari misurerebbero poi i benefici derivanti in termini di appropriatezza della spesa, calo dei ricoveri eccetera». L’obiettivo è innanzitutto quello di smuovere le acque per riavviare il lavoro attorno alla riforma della remunerazione. Ma dietro c’è anche un secondo fine, quello di mettere in campo un modello di retribuzione delle farmacie ispirato all’esperienza olandese: «In Assofarm» prosegue Schito «è stato istituito un gruppo di lavoro che sta mettendo a punto una proposta di modello da applicare nella sperimentazione. La nostra proposta è quella di puntare a un sistema che retribuisca le farmacie anche per i risultati che grazie a loro il Servizio sanitario riesce a conseguire in termini di salute della popolazione e valorizzazione della spesa».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Un aiuto per l’equilibrio della flora batterica intestinale.

Un aiuto per l’equilibrio della flora batterica intestinale.

A cura di Lafarmacia.

Le farmacie della provincia di Vicenza partecipano a un progetto europeo sull’impatto della telemedicina su cura, diagnosi ed equità di accesso ai servizi,...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top