Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Veneto, accordo Regione-Poste su Cup. Federfarma perplessa


Dopo Farmindustria, le Poste ammaliano anche il governatore del Veneto, Luca Zaia. Che l’altro ieri, nel corso di una trasmissione televisiva locale, ha anticipato il progetto di portare negli uffici postali la prenotazione di visite mediche ed esami così come il ritiro referti. «Sarà un servizio straordinario» ha precisato il governatore «grazie alla capillarità degli sportelli e all’aiuto che il personale delle Poste offrirà a chi non ha dimestichezza con le prenotazioni on line». Asse portante dell’intero progetto è l’accordo quadro tra Poste e Regione promulgato il 22 febbraio scorso con delibera di Giunta. Una delibera che rischia di togliere il sonno ai farmacisti veneti, perché tra i servizi inseriti nell’intesa non ci sono solo «la prenotazione di visite specialistiche, i sistemi di pagamento e incasso ticket e la consegna di referti sanitari in modalità multicanale» ma anche «servizi di gestione del rischio clinico (risk management) e di logistica del farmaco». Di più al momento non si sa, anche perché ogni singolo servizio partirà soltanto dopo la stipula di contratti dedicati, nei quali sarà anche definito il capitolo economico. Intanto le farmacie venete – che fanno il Cup dappertutto, tranne che a Padova e Belluno - seguono l’evolversi della vicenda con forte preoccupazione: «Nelle settimane scorse avevamo avuto anticipazioni dei progetti della Giunta» commenta il presidente di Federfarma regionale, Marco Bacchini (foto) «ma esponenti della maggioranza e del governo regionale ci avevano tranquillizzato. Torneremo a parlare con loro per esprimere tutte le nostre perplessità sull’intesa. A parte quel passaggio sulla logistica del farmaco, che vorremmo capire, si fa fatica a cogliere la logica della scelta: le farmacie sono radicate sul territorio quanto se non più delle Poste e il farmacista sa “leggere” una ricetta rossa molto meglio di un impiegato allo sportello. È un problema di costi? È vero, vorremmo una remunerazione per il Cup, ma finora con la Regione non s’è ancora parlato di cifre, quindi impossibile sostenere che le Poste costino di meno».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Azione delicata per il benessere intestinale dei più piccoli

Azione delicata per il benessere intestinale dei più piccoli


Il mercato M&A nel 2023 ha registrato un calo a livello mondiale, ma in Italia il mercato chiude in crescita dell'8%. Tra le principali acquisizioni segnalate dal PwC Global & Italian M&A...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top