Login con

Politica e Sanità

17 Novembre 2011

Francia: arriva il “farmacista di famiglia”, sindacati perplessi


In Francia arriva il farmacista di famiglia. A dargli i battesimi è il decreto attuativo pubblicato la settimana scorsa dal ministero della Sanità dopo lunga attesa. Il provvedimento rappresenta uno dei tasselli della legge Hpst (Hôpital, patients, santé et territoires ossia ospedale, pazienti, sanità e territori) del luglio 2009, nella quale si disegnavano nuovi spazi d’intervento per le farmacie di comunità nell’ambito di una riorganizzazione allargata dei servizi sanitari. In questa cornice il decreto ministeriale dà il varo ufficiale alla figura del “pharmacien correspondant”, che per noi italiani potrebbe stare per “farmacista di famiglia”. Questo professionista, infatti, verrà scelto dai pazienti sulla fiducia per ricevere un’assistenza sulle terapie in stretto coordinamento con il medico curante. Quali pazienti? In pratica tutti i cronici domiciliarizzati (asma, diabete, malattie cardiovascolari…) e ovviamente i malati oncologici e quelli sottoposti a cure palliative. E il farmacista di famiglia potrà essere selezionato tra tutti i laureati abilitati, che siano titolari di farmacia, collaboratori o altro ancora. Quanto alle competenze, il “pharmacien correspondant” provvederà alla ripetizione delle ricette (fino a un massimo di 12 mesi) e al monitoraggio della terapia, nell’ambito di un severo protocollo concordato con il medico e autorizzato dall’autorità sanitaria. In sostanza, il farmacista vigilerà sulla compliance, sulla tolleranza al trattamento e sui suoi progressi, potrà modificare la posologia (previa comunicazione al medico) e dialogherà con il curante su tutti gli aspetti riguardanti le cure farmacologiche. Ce ne sarebbe abbastanza per far saltare di gioia i farmacisti francesi e i loro sindacati, di fatto invece l’uscita del decreto è stata accolta dalla categoria con soddisfazione solo moderata. Colpa di quello che nel provvedimento non c’è: la remunerazione delle nuove prestazioni. Questo non significa che sia esclusa la possibilità di un onorario - probabile anzi che la questione sia rimandata a quella riforma del servizio farmaceutico promesso nei mesi scorsi dal ministro della Sanità – ma in attesa di chiarimenti i sindacati dei titolari stanno sul chi vive. E lanciano avvertimenti inequivocabili: «Senza compenso» ha detto Philippe Gaertner, presidente della Fspf (Fédération des syndicats pharmaceutiques de France) «non inviterò certo i miei colleghi a farsi carico di tale ruolo».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Nasce “Silvia Monti Profumi D’artista

Nasce “Silvia Monti Profumi D’artista" - Lafarmacia.

A cura di Lafarmacia.

L’attenzione sulla possibilità di procedere al riscatto di laurea è rivolta anche all’impatto dell’inflazione sull’opzione agevolata. Dagli esperti...

A cura di Francesca Giani

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top