Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2011

Poco sicuri i piercing francesi


Nonostante i periodici allarmi degli esperti, che mettono in guardia contro pericoli di infezioni anche gravi come le endocarditi, le epatiti o la tubercolosi provocate dall’applicazione scorretta di piercing, in Francia si sottovalutano i rischi per la salute legati a questa pratica. Negli oltre mille laboratori di tatuaggi, distribuiti sul territorio nazionale, non ci sono verifiche sulla professionalità degli operatori n� sugli eventuali rischi per il cliente. Lo rileva un rapporto dell''Acadèmie Acad�mie Nationale de M�decine che ha elaborato nuove raccomandazioni in materia, chiedendo più regole per aumentare controlli su igiene e professionalità degli operatori. E’ stato constatato che l''assenza delle regole d''igiene è all''origine di molte complicazioni, difficili da valutare precisamente per la mancanza di dati scientifici completi, ma allarmanti anche in base ai pochi numeri disponibili. E, se le complicazioni infettive legate ai semplici tatuaggi sono rare, e riguardano circa l''1% dei casi, altra cosa sono gli effetti collaterali del piercing, i più gravi interessano l''ombelico, con complicazioni nel 40% dei casi. Ma le conseguenze negative ci sono anche se l''orecchino è applicato al naso (12%), alla lingua e agli organi genitali (8%) o al capezzolo (5%). Gli esperti francesi osservano, in particolare, che i piercing genitali dovrebbero essere vietati soprattutto alle donne, come accade in Gran Bretagna.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Prevenzione per il benessere delle donne - Colpofix

Prevenzione per il benessere delle donne - Colpofix

A cura di Uriach

La libertà di ottenere il trasferimento del farmacista nell’ambito della zona di competenza non è incondizionata: il locale indicato deve essere situato in modo da soddisfare le esigenze degli...

A cura di Avv. Rodolfo Pacifico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top