Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2011

L’IVG alla lombarda fa discutere


Con un atto di indirizzo ad hoc, la Regione Lombardia fissa a "22 settimane più 3 giorni" il "termine ultimo di effettuazione delle interruzioni volontarie di gravidanza (il cosiddetto aborto terapeutico, articolo 6b della legge 194), ad eccezione dei casi in cui non sussiste la possibilità di vita autonoma del feto" Il provvedimento - annunciato ieri dal presidente lombardo, Roberto Formigoni - estende a tutte le strutture lombarde la soglia massima entro cui procedere all''aborto già adottata a Milano dagli ospedali Mangiagalli (Fondazione Policlinico) e San Paolo. Una delibera approvata dalla Giunta, inoltre, ha stanziato 8 milioni di euro di risorse aggiuntive per potenziare l''attività di sostegno alla donna nei consultori attivi sul territorio regionale, per aumentare il loro numero e le loro prestazioni: "Le risorse - sottolinea la Regione - passano così dagli attuali 56 milioni a 64". "Inopportuno e imprudente. Non puntuale e affrettato rispetto ai tempi". Così Gianpaolo Donzelli, professore di Medicina neonatale e pediatria preventiva all''università degli Studi di Firenze, commenta l''atto di indirizzo. Donzelli è uno dei ''papà'' della Carta di Firenze sulle cure perinatali nelle età gestazionali estremamente basse. Dunque di quel documento sottoscritto dalle principali società scientifiche italiane, che fissa alcuni criteri per i medici su cosa fare o non fare in caso di feti fortemente prematuri. Un testo su cui il ministro della Salute Livia Turco ha chiesto un parere al Consiglio superiore della sanità (CSS). Oltre ad aver istituito un gruppo di studio ad hoc. Quella della Lombardia è una iniziativa inopportuna, imprudente e affrettata, rimarca Donzelli "proprio perch� è già in atto un dibattito nazionale su questi temi, con la commissione ministeriale, il Css e il Comitato nazionale di bioetica coinvolti. Del resto - prosegue il neonatologo - Formigoni l''aveva preannunciato. Ma questa iniziativa - aggiunge - costituisce uno degli effetti più perversi della devolution sanitaria. In più rappresenta uno dei modi più scorretti per affrontare questi temi, in chiave emotiva o di appartenenza politica. E mai, invece - incalza - in maniera rigorosamente scientifica, delineando il percorso migliore per il bene dei cittadini". "L''importante è che, con l''atto approvato oggi dalla Regione Lombardia, non si tenti di svuotare il medico delle sue responsabilità". Ha invece commentato Francesco D''Agostino, presidente onorario del Comitato nazionale di bioetica e ordinario di Filosofia del diritto all''Università Tor Vergata di Roma "Attenzione - avverte il bioeticista - non è la politica a dire chi può sopravvivere, ma la valutazione del medico caso per caso, affidata alla sua responsabilità e non al libero arbitrio". D''Agostino però definisce "benemerito il provvedimento se serve a invertire una prassi consolidata negli anni di applicazione della legge 194 sull''interruzione volontaria di gravidanza, che  vede prevalere sempre e comunque l''interesse della donna ad abortire su quello del neonato a nascere e sopravvivere". Dunque un atto che, "in quanto amministrativo non può modificare n� chiarire quanto dice la legge che - precisa il bioeticista - è invece molto chiara, e stabilisce che ogni volta che il bambino può sopravvivere autonomamente, il medico ha l''obbligo di intervenire". Dunque, conclude D''Agostino, "in generale la politica favorisca la vita, ma senza presumere linee guida e protocolli che invece spettano ai medici". 

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Rumori bianchi per il sonno dei neonati - Dreamegg

Rumori bianchi per il sonno dei neonati - Dreamegg

A cura di Dreamegg

C’è tempo fino al 29 febbraio 2024 per trasmettere i dei dati relativi alle quantità di principi attivi vietati per doping, utilizzati nelle preparazioni...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top