Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2011

Progressi in vista nella fibrillazione atriale


Abbatte del 30% il rischio di morte cardiovascolare e del 16% la probabilità di decesso per ogni causa, riducendo del 25% i ricoveri in ospedale. Questi i risultati del dronedarone nel trattamento della fibrillazione atriale conseguiti nello studio Athena, che saranno presentati a San Francisco nell''ambito del 29esimo Congresso annuale della Heart Rhytm Society. I risultati sono stati anticipati oggi a Milano da Sanofi-Aventis. La fibrillazione atriale è una causa maggiore di ricoveri ospedalieri e mortalità - ricorda l''azienda francese in una nota - Colpisce circa 2 milioni e mezzo di americani e 4 milioni e mezzo di europei, con un trend in aumento: l''Atrial Fibrillation Foundation prevede infatti che nei prossimi 20 anni il numero di pazienti raddoppierà. E in assenza di un trattamento precoce e mirato, la fibrillazione può causare gravi complicanze quali scompenso cardiaco e ictus (il 15% di tutti i casi è legato appunto a questa forma di aritmia). Il trial Athena, di fase clinica III, è il più grande studio randomizzato in doppio cieco condotto su pazienti con fibrillazione atriale; ha coinvolto oltre 550 centri in 37 Paesi del mondo, per un totale di 4.628 malati. "Per la prima volta in 20 anni di studi di farmacologia clinica sulla fibrillazione atriale - si legge nel comunicato - dronedarone ha dimostrato di poter ridurre il rischio di morte cardiovascolare del 30% rispetto alle migliori terapie di riferimento. Dronedarone ha ridotto inoltre il rischio di morte aritmica del 45%, e il numero dei decessi per ogni causa del 16% rispetto al placebo. Nel gruppo dronedarone, infine, sono stati ridotti del 25% i primi ricoveri cardiovascolari".  Sulla base di questi dati clinici, Sanofi-Aventis intende presentare la richiesta di registrazione all’EMEA e alla FDA nel terzo trimestre del 2008. Tra gli eventi avversi più frequenti con dronedarone, rispetto a placebo, disturbi gastrointestinali, cutanei e aumento della creatininemia.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Lo smalto dei denti gioca un ruolo vitale

Lo smalto dei denti gioca un ruolo vitale

A cura di Gsk

Francesco Zaffini, presidente della Commissione Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, a margine della presentazione del libro Edra '"a psiche tra salute e malattia" ha fatto il...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top