Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2011

Farmaci via Internet con molta cautela


Il Consiglio d’Europa affronta il tema della vendita per corrispondenza di medicinali etici e no e raccomanda una regolamentazione piuttosto stretta. E la presenza del farmacista
Lo scorso 5 settembre, il  Consiglio d’Europa ha licenziato una risoluzione (Res AP (2007) 2) sulla buona pratica in materia di distribuzione di medicinali per corrispondenza a tutela della sicurezza del paziente e della qualità dei medicinali distribuiti. Attualmente in Italia la vendita a distanza (via internet, per corrispondenza, eccetera) di medicinali non è disciplinata e non può comunque ritenersi consentita. Com’è noto, peraltro, l’articolo 34 del nuovo Codice deontologico del farmacista, così come anche previsto dal vecchio articolo 25, vieta espressamente la vendita di medicinali attraverso Internet. Ma lo scenario potrebbe evolversi a una velocità non prevedibile, ragion per cui il Consiglio ha cercato di dare un indirizzo compatibile con la sicurezza dei cittadini.

Nella sua risoluzione, il Consiglio d’Europa raccomanda infatti ai Governi degli Stati membri “di adottare tutti gli strumenti necessari a garantire la sicurezza della vendita di farmaci per  corrispondenza, a tutelare la sicurezza dei pazienti e la qualità dei medicinali distribuiti”. L’attenzione si è concentrata soprattutto su alcuni aspetti: i sistemi di distribuzione e le relative responsabilità  le informazioni e i consigli da dare ai pazienti; la notifica, al paziente, e da parte del paziente, degli effetti indesiderati, delle interazioni, delle avvertenze, di richiami o difetti di qualità dei medicinali venduti per corrispondenza; l''esclusione, dalla vendita per corrispondenza, di medicinali particolarmente delicati; la gestione delle prescrizioni nella vendita per corrispondenza di medicinali con obbligo di prescrizione medica. 

In linea generale, il documento mette l’accento sulla necessità di non svincolare la vendita attraverso le farmacie virtuali (cioè i siti Internet dedicati) dalle farmacie fisicamente presenti sul territorio, in quanto il rapporto diretto viene ritenuto necessario soprattutto “per quanto attiene il consiglio al paziente”.  N� la farmacia virtuale dovrebbe essere priva di farmacisti, in quanto si dice che “la vendita di medicinali per corrispondenza dovrebbe essere effettuata solo da persone legittimamente abilitate” che nei paesi europei sono, appunto, i farmacisti. I pazienti, dice la risoluzione, “dovrebbero ricevere i consigli attraverso strumenti elettronici o tramite telefono. Dovrebbero essere mantenuti livelli accettabili di sorveglianza sui trattamenti (ad esempio verifica della posologia, delle interazioni con altri farmaci, delle controindicazioni), conformemente a quanto previsto dalle norme imposte dall''autorità nazionale competente”. La vendita per corrispondenza di farmaci soggetti ad obbligo di prescrizione medica dovrebbe avvenire sotto la responsabilità di un farmacista e dietro presentazione di regolare ricetta medica. La ricetta può anche essere inviata tramite posta elettronica, a condizione che sia di documentata autenticità, e questo allo stato attuale può creare non poche difficoltà, visto che andrebbe implementato quantomeno un sistema di firma elettronica non falsificabile.
Infine non tutti i medicinali potrebbero essere dispensati con queste modalità: “i farmaci classificati come stupefacenti dovrebbero, a priori, essere esclusi dalla possibilità di vendita per corrispondenza. I farmaci che, anche se correttamente imballati, presentino potenziali rischi per l''uomo o per l''ambiente connessi con la vendita per corrispondenza, e quelli per i quali la data di scadenza sia molto prossima alla data di confezionamento, non dovrebbero essere venduti per corrispondenza.”

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

La nuova scienza della luminosità

La nuova scienza della luminosità

A cura di Pierre Fabre

Al via a settembre l’executive master in Clinical pharmacy, un percorso didattico che permetterà al farmacista di gestire minor disaese, attività di prevenzione, diagnostica e telemedicina e...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top