Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2011

Nella lotta all’HIV farmaci e ricerca


Sommando spesa farmaceutica ospedaliera e territoriale, le terapie contro l’HIV contribuiscono per 393 milioni di euro. Questi i dati riportati dal direttore generale dell''Agenzia italiana del farmaco, Nello Martini, ieri a Roma al convegno “La ricerca italiana sfida l''AIDS” organizzato all''Istituto superiore di sanità (ISS). I fondi dedicati all''acquisto di medicinali antiretrovirali "sono pari al 7,6% del totale della spesa farmaceutica ospedaliera a carico del SSN - ha precisato Martini - anche se permangono differenze a livello delle varie Regioni, che vanno colmate. E la priorità deve essere data non solo alla cura della malattia, ma anche alla presa in carico dei pazienti". Per quanto riguarda la ricerca, "l''AIFA ha finanziato nel 2005-2006 progetti per un totale di 66 milioni di euro, che comprendono, per quanto riguarda l''HIV, studi sulla valutazione del profilo rischio-beneficio delle terapie antiretrovirali a lungo termine e nelle donne in gravidanza". E sul tema delle disparità locali si è centrato l’intervento di Rosaria Iardino, presidente del Network Persone Sieropositive (NPS): "Che lo si consideri un valore o che ci si limiti ad accettarlo come una necessità, il federalismo in sanità deve dimostrarsi in grado di assicurare a tutti il rispetto dei Livelli essenziali di assistenza (LEA), intesi non come un elenco di diritti potenziali, ma come un esplicito impegno a rendere disponibili le più avanzate cure per tutte le patologie".  In sintesi, Iardino si chiede: "gli strumenti di controllo sui Lea oggi esistenti sono in grado di assicurare la loro applicazione in linea con il diritto alla salute di tutti i cittadini? Chi deve definire quali farmaci si possano utilizzare? L''AIFA, le Regioni, gli ospedali? Le logiche che vengono seguite da questi enti sono diverse tra loro, la somma di diverse discrezionalità rischia di limitare l''accesso alle cure. Un sistema come il nostro, con la gestione della sanità affidata alle Regioni ma con la definizione dei Lea a livello centrale - sottolinea Iardino - necessita di un controllo centralizzato sulla loro applicazione”.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Una rinascita per i capelli - Biothymus

Una rinascita per i capelli - Biothymus

A cura di Viatris

Sull’applicazione del Codice relativo ai medicinali veterinari arrivano nuove indicazioni operative: sono molte le questioni su cui ci sono dubbi e man mano...

A cura di Francesca Giani

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top