Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2011

Bevacizumab agisce nel CA mammario


Con 1 milione di nuovi casi ogni anno, di cui 40.000 in Italia, il carcinoma mammaria è il tumore femminile più diffuso al mondo. Grazie a screening e diagnosi precoce, le possibilità per le pazienti sono molto migliorate, tuttavia, solo nel nostro Paese quasi il 20% delle pazienti ha una ricaduta nella malattia. Per queste donne, dal congresso dell’American Society of Clinical Oncology - ASCO - importanti conferme per i risultati positivi dell’uso di bevacizumab, il primo anticorpo monoclonale anti-angiogenico. Spiega il Giorgio Mustacchi, docente di Oncologia medica dell’Università di Trieste: “Bevacizumab in associazione alla chemioterapia aumenta significativamente il numero di pazienti in cui la terapia funziona e la durata del beneficio”. Di particolare interesse il trial di fase III AVADO, che ha indagato l’utilizzo di bevacizumab in combinazione con il chemioterapico docetaxel dimostrando: che i due terzi delle pazienti (63%) hanno riportato una significativa riduzione della massa tumorale, un altrettanto significativo aumento della durata di tale beneficio senza aumenti della tossicità rispetto alla chemioterapia da sola. David Miles, del Mount Vernon Hospital nel Regno Unito, oncologo e principal investigator dello studio AVADO, commenta: “Questo è il secondo grande studio di fase III effettuato per confermare che bevacizumab, in combinazione con un agente chemioterapico ampiamente utilizzato, prolunga il tempo in cui le pazienti vivono senza progressione della malattia. è importante notare come tale studio abbia confermato che bevacizumab può essere utilizzato con una chemioterapia a base di taxani, per fornire un beneficio significativo alle pazienti con carcinoma mammario metastatico”. “Anche all’ASCO di quest’anno bevacizumab è al centro di report molto interessanti e tutti positivi” conclude Mustacchi. “Tra questi l’AVADO è sicuramente il più importante e ha confermato che bevacizumab aumenta in maniera significativa la percentuale di pazienti che traggono beneficio dal trattamento e la durata del beneficio stesso”.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Nuxe presenta Merveillance Lift Glow

Nuxe presenta Merveillance Lift Glow

A cura di Nuxe

Il Parlamento Europeo ha adottato una posizione decisiva sulla riforma farmaceutica dell'UE, con l'obiettivo di rivoluzionare la legislazione farmaceutica per...

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top