Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2011

Il biotech italiano non arranca più


Le biotecnologie sono cresciute in questi anni, e oggi il numero delle aziende in Italia ha raggiunto livelli insospettabili anche solo 8-10 anni fa. E’ quanto si legge nel documento “Biotecnologie in Italia 2008”. "Senza trionfalismi, il bilancio dell''ultimo anno è positivo -  dichiara Sergio Domp�, presidente di Farmindustria. I numeri del rapporto parlano chiaro: 228 imprese, di cui 96 costituite a partire dal 2000 (pari al 42%), e una forte predominanza di aziende dedicate alla cura della salute (74% sul totale), oltre che di piccole imprese (75% sul totale). E ancora, 26.000 addetti, di cui più di 6.000 impegnati in R&S, 4.800 milioni di euro di fatturato, con un incremento del valore della produzione dell''11% nell''ultimo anno, oltre 1.300 milioni di euro investiti in ricerca e sviluppo, in crescita del 9% nell''ultimo anno. “Il biotech italiano sta vivendo una fase di grande produttività - ha aggiunto Roberto Gradnik, presidente Assobiotec - come dimostra l''alto numero di prodotti in sviluppo nel settore della cura della salute, ben 84 rispetto ai soli 30 dell''inizio del 2006". Gradnik è convinto che il biotech italiano abbia tutte le carte in regola per giocare un ruolo crescente nel contesto europeo. E, secondo Leonardo Santi, presidente del Comitato nazionale per la biosicurezza, le biotecnologie e le scienze della vita della Presidenza del Consiglio, se le biotecnologie italiane crescono, è importante presentare quello che si sta facendo anche all''estero.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

A casa come in palestra, non scivolare sul bagnato

A casa come in palestra, non scivolare sul bagnato

A cura di Viatris

Il Direttore Generale dell'Efpia, Nathalie Moll, ha commentato il voto del Parlamento europeo sulla riforma della legislazione farmaceutica europea: un momento altamente significativo per...

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top