Login con

Politica e Sanità

12 Settembre 2014

Ue, meno antibiotici in mangimi e più farmaci veterinari disponibili


Ridurre il ricorso agli antibiotici nei farmaci veterinari e nei mangimi medicati e, nello stesso tempo, mettere a disposizione dei produttori più medicinali e a costi minori: per raggiungere questi obiettivi, la Commissione europea ha proposto nuove regole.
Le autorità dell'Ue intendono in questo modo affrontare le crescenti preoccupazioni sulla resistenza antimicrobica, proponendo una serie di strumenti per ridurre al minimo i rischi che possono derivare dall'uso di antibiotici in medicina veterinaria. La proposta rappresenta un'importante evoluzione del quadro giuridico per l'autorizzazione di medicinali veterinari nell'Unione europea.
La revisione dei regolamenti in materia risponde all'esigenza di semplificare il contesto normativo e ridurre gli oneri amministrativi per le aziende che sviluppano medicinali veterinari mediante procedure più agevoli per l'autorizzazione all'immissione in commercio e regole più spedite di farmacovigilanza.
La Commissione europea intende in tal modo stimolare lo sviluppo di nuovi medicinali veterinari, compresi i prodotti per i piccoli mercati, con l'introduzione di norme specifiche in alcuni settori, come l'apicoltura e l'acquacoltura e meccanismi migliori per premiare gli investimenti delle imprese nello sviluppo di farmaci innovativi. La circolazione dei medicinali veterinari in tutta l'Unione ne risulterà facilitata, attraverso procedure snelle e regole chiare anche per la vendita al dettaglio in Internet. La lotta contro lo sviluppo della resistenza antimicrobica si attuerà attraverso misure specifiche, come una restrizione dell'uso sugli animali di alcuni antimicrobici di uso umano. L'Agenzia europea del farmaco ha accolto con favore la proposta, dato che la disponibilità di medicinali veterinari e la lotta contro l'antibiotico-resistenza rientrano tra le sue priorità.
La Commissione ha inoltre adottato una proposta di revisione della legislazione dell'Ue in materia di alimenti per animali contenenti farmaci. L'obiettivo è di assicurare che i mangimi medicati provengano solo da produttori riconosciuti che utilizzano medicinali veterinari autorizzati.

Renato Torlaschi

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

L’autunno dei capelli

L’autunno dei capelli

A cura di Viatris

Fimmg commenta "con soddisfazione" l'incontro nella sede della  Conferenza delle Regioni con Marco Alparone, in...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top