Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2014

Farmacisti non titolari, basta stereotipi: siamo insostituibili sul territorio


"Riteniamo che al farmacista debba essere data la possibilità di operare sul

territorio e di svolgere quei compiti di collegamento tra il paziente, il medico, la

farmacia ed eventuali altre figure sanitarie" è questo il messaggio di una lettera aperta e congiunta sottoscritta da Silvera Ballerini, presidente Conasfa, e Francesco Imperadrice presidente Sinasfa, rispettivamente federazione e sindacato dei farmacisti non titolari. Nella proposta si legge "potrebbe essere creata anche la figura del farmacista a domicilio partendo dalla Case della salute in via di costruzione in molte regioni. Prendendo in carico un importante numero di pazienti, segnalati dalle istituzioni sanitarie regionali e in collaborazione con i medici di base, il farmacista può seguire il cittadino a domicilio in tutte le fasi del suo percorso terapeutico, verificando l'aderenza alla terapia prescritta, monitorando le varie patologie croniche e la corretta assunzione dei farmaci ed eliminando farmaci scaduti, avariati, consigliati da altri soggetti o non più utili alle terapie in corso". Dovrebbe essere questo il ruolo futuro dei farmacisti, per rispondere alle esigenze dei cittadini e scongiurare "il forte rischio di involuzione della professione del farmacista di comunità" che si sta delineando in questi anni. Le due associazioni sono "convinte che vi sia ormai una visione convergente e condivisa a livello mondiale sul fatto che il ruolo del farmacista non può e non deve essere più relegato alla logistica ed alla dispensazione ma che dovrà indirizzarsi sempre più verso i servizi avanzati, ad alto valore aggiunto e che questo alto valore aggiunto deve essere basato su competenze specifiche molto più orientate al benessere del paziente che al farmaco". Una visione che forse stenta ad affermarsi nel nostro paese, dove talora sembra prevalere "una concezione spesso stereotipata e vecchia della nostra professione" anche da parte dei referenti istituzionali, che non valorizza "il costo molto alto sostenuto dalla comunità nella preparazione universitaria di ognuno di noi" e vanifica le potenzialità professionali del farmacista.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Rapporto di Sostenibilità di TePe per il 2022

Rapporto di Sostenibilità di TePe per il 2022

A cura di TePe

Il nadololo è un betabloccante con indicazione specifica contro le aritmie cardiache che viene prescritto anche in ambito pediatrico

A cura di Luca Guizzon (Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia)

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top