Login con

Farmacisti

29 Giugno 2023

Liste d’attesa, Schillaci: incentivare privato convenzionato ed evitare esami inutili


Agenas celebra 30 anni, il ministro della Salute Orazio Schillaci: Abbiamo davanti diverse sfide che continueremo ad affrontare

"Le liste di attesa si combattono incentivando di più gli operatori a lavorare nel servizio sanitario nazionale e con l'appropriatezza. Quando il numero di prescrizioni aumenta a dismisura significa che c'è una larga parte di inappropriatezza che va combattuta". Lo ha detto il ministro della Salute Orazio Schillaci intervenendo al convegno per i 30 anni di Agenas. "Fare esami inutili a chi non ne ha bisogno aumenta le liste di attesa", ha aggiunto il ministro, che ha precisato che il fenomeno è almeno in parte "frutto della medicina difensiva che si deve combattere". Su questo fronte, ha proseguito "abbiamo iniziato un percorso con il ministro della Giustizia".


Collaborazione con il privato: avere il quadro delle prestazioni disponibili per i cittadini

Per ridurre il problema delle liste d'attesa, secondo il ministro, decisiva sarà la collaborazione con il privato: bisogna "fare in modo che il privato convenzionato collabori pienamente con il servizio sanitario e che dappertutto il privato convenzionato metta in rete la disponibilità di esami diagnostici e interventi fatti in regime convenzionato. Dobbiamo intanto avere il quadro delle prestazioni disponibili per i cittadini. Laddove ci sono ritardi inaccettabili troveremo insieme le soluzioni" Tutto ciò, non significa abbandonare la sanità pubblica, anzi, Schillaci dichiara "Non ho nessuna intenzione di smantellare la sanità pubblica, anzi la voglio rafforzare. Io credo fortemente nella sanità pubblica che per anni è stato un fiore all'occhiello e deve continuare ad esserlo. La sanità, però, va ripensata e riorganizzata in maniera più moderna", ha aggiunto Schillaci.


Pnrr: rafforzare medicina del territorio e poi la digitalizzazione

Il ministro si è soffermato poi su due capitoli chiave di Pnrr: sanità territoriale e digitalizzazione. "Per la sanità serve una rivoluzione, rafforzare la medicina del territorio che è mancata e poi la digitalizzazione. Sono due capitoli del Pnrr dove ci sono risorse e il ministero della Salute e Agenas sono sicuro che potranno svolgere bene il compito. La medicina del territorio serve per decongestionare gli ospedali e, oltre a costruire le strutture, è chiaro che bisogna metterci il personale. Veniamo da una programmazione negli ultimi dieci anni degli ingressi nelle facoltà di medicina sbagliata. La medicina digitale può cambiare il paradigma con una salute più giusta e disponibile per tutti. Credo che mettendo insieme medicina territorio e sanità digitale, con il Pnrr riusciremo a migliorare la nostra sanità e renderla più giusta, moderna e alla portata di tutti, superando le disuguaglianze che ancora purtroppo ci sono". E sul tema della carenza di personale sanitario ha aggiunto: "Più che mancare i medici in numero assoluto c'è il problema di motivazione. Sugli infermieri, è vero che mancano, ma c'è una carenza in tutta Europa, in Usa e in Giappone. È una carenza che va affrontata ma in un momento complesso come questo credo dovremmo guardare a qualche paese straniero".


Agenas celebra 30 anni: davanti diverse da affrontare

E sulla celebrazione dei 30 anni di Agenas, Schillaci ha detto: "In questi 30 anni Agenas ha svolto attività di ricerca e di supporto. Durante, e a seguito della pandemia, i compiti dell'Agenzia si sono ampliati in ambiti cruciali per elevare la qualità degli standard di cura e per ammodernare la nostra sanità pubblica. Ha assunto inoltre il ruolo di Agenzia nazionale per la sanità digitale e ha una funzione strategica nell'attuazione del PNRR. Per consentire ad Agenas di svolgere al meglio i suoi compiti abbiamo garantito fondi per nuove assunzioni e per incrementare i trattamenti accessori del comparto e con decreto ho approvato il nuovo Statuto". "Abbiamo davanti diverse sfide che continueremo ad affrontare, sono certo, con spirito di piena collaborazione e reciproco supporto, anche con le Regioni, con l'obiettivo comune di garantire il diritto alla salute attraverso un servizio sanitario nazionale moderno centrato sulla persona. Ad Agenas - ha concluso il Ministro - auguri per questi primi 30 anni di attività e per tutti i futuri importanti traguardi che insieme sapremo raggiungere".

TAG: CONVENZIONE, LISTE DI ATTESA, ESAMI DIAGNOSTICI DI ROUTINE, AGENAS (AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI)

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

06/05/2024

Le persone che utilizzano sigarette elettroniche presentano una probabilità significativamente più alta di sviluppare insufficienza cardiaca rispetto a coloro che non le hanno mai utilizzate. I...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

19/04/2024

Un recente studio, pubblicato sulla rivista Gut, ha mostrato che l’adozione di uno stile di vita sano potrebbe ridurre del 42% il rischio di sviluppare disturbi gastrointestinali

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

18/04/2024

I risultati di uno studio intergenerazionale sugli “Emerging healthcare trends” condotta dalla Luiss in collaborazione con Merck Italia. Focus anche sulla della generazione Alpha, quella dei nati...

A cura di Redazione Farmacista33

12/04/2024

Dormire poco e male è un campanello di allarme di altre patologie ma il primo step per gestire l’insonnia è fare la giusta diagnosi, in quanto ci sono 6 categorie di disturbi del sonno

A cura di Simona Zazzetta

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Giornata Mondiale Del Diabete

Giornata Mondiale Del Diabete

A cura di PIC Solution

AstraZeneca ritira il proprio vaccino anti-Covid Vaxzevria in linea con l’indicazione data dall'Agenzia europea del farmaco sui vaccini non più usati e non aggiornati. Ecco le motivazioni

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top