Login con

Farmaci

12 Luglio 2023

Reflusso gastroesofageo, i consigli per l’estate: dieta corretta e terapia da non interrompere

Dai gastroenterologi dell'Aigo i consigli daper gestire al meglio la malattia da reflusso gastroesofageo anche in vacanza: alimentazione, consumo di alcol e farmaci. Ecco cosa fare



Reflusso gastroesofageo, i consigli per l’estate: dieta corretta e terapia da non interrompere

Chi soffre di reflusso gastroesofageo può godersi l’estate adottando piccoli accorgimenti, evitando una alimentazione sbagliata e comportamenti non adeguati come, per esempio, interrompere una terapia in corso pensando che il solo relax possa fare miracoli. A suggerire la corretta gestione della malattia da reflusso gastroesofageo sono i medici dell'Aigo Associazione Italiana Gastroenterologi ed endoscopisti digestivi Ospedalieri.

Sintomi da tener sotto controllo, anche in estate Si tratta di una tra le più comuni patologie, interessa circa il 20% della popolazione italiana ed europea e richiede cure sia da parte del medico di base che dallo specialista gastroenterologo. Si manifesta principalmente con rigurgito e bruciore e interessa anche i più giovani. Le cause scatenanti sono attribuibili spesso a stili di vita sbagliati come un'alimentazione poco salutare, a volte veloce e non equilibrata, sedentarietà, fumo, alcol, ma anche lo stress e l'ansia sono fattori che possono contribuire a scatenarlo o peggiorarlo. Senza contare poi, ovviamente, disfunzioni anatomiche o funzionali. "Se si soffre di reflusso gastroesofageo, in queste settimane purtroppo la patologia verrà in vacanza con noi. - esordisce Marco Soncini, Presidente Aigo e Direttore Dipartimento Area Medica ASST Lecco - Serve quindi sapere come gestirlo per non aggravarne i disturbi con una alimentazione sbagliata o con comportamenti non adeguati come, per esempio, interrompere una terapia in corso pensando che il solo relax possa fare miracoli. Non sarà così, e se nella maggior parte dei casi dopo un ciclo di cure con antisecretivi acidi della durata di 1 o 2 mesi, si assisterà ad un controllo della sintomatologia, l'interruzione della stessa porterà ad una ripresa dei disturbi e quindi a nuovi controlli medici e ripresa della cura, vanificando l'effetto benefico del trattamento precedente e di fatto, anche delle vacanze tanto attese".

Non interrompere la terapia in vacanza
L’estate e soprattutto il periodo delle vacanze non va quindi considerata come l'occasione migliore per interrompere una cura quanto piuttosto, un periodo in cui provare una riduzione della posologia, o la frequenza dell'assunzione del farmaco solo al bisogno, magari in previsione di una cena impegnativa. "Certamente una dieta ben bilanciata durante la giornata evitando pasti abbondanti e l’assunzione di alcolici ci aiuterà, insieme ad una regolare attività fisica come belle passeggiate in montagna o rilassanti bracciate di nuoto, a lasciare il reflusso a casa e goderci le meritate vacanze" ricorda il Presidente Aigo.

I consigli del gastroenterologo
Ecco, dunque, alcuni consigli da tenere presente per gestire al meglio la malattia da reflusso anche in vacanza.

- Cocktail, caffè e cibi piccanti: quanto incidono sul reflusso
"Le persone che soffrono di reflusso gastroesofageo riconoscono facilmente alcuni agenti favorenti l’insorgere o il ripresentarsi dei sintomi, tra questi l’alcol è senza dubbio tra i più frequenti soprattutto quando associato a pasti abbondanti ad alto contenuto di grassi. Oltre all’alcol anche il caffè, il cioccolato e il the verde possono favorire la riaccensione dei sintomi e cautela va riservata anche ai cibi piccanti.

- Sì al gelato a fine pasto
"Per fortuna - continua il dottor Soncini - il nostro dopo cena potrà essere premiato con una coppa di gelato o con una granita, ricordandosi di non coricarsi troppo presto e non adagiarsi subito sul divano, consigli questi che valgono non solo d’estate e che dovrebbero portarci ad evitare uno stato di sovrappeso o di chiara obesità che sono condizioni favorenti e aggravanti del reflusso gastroesofageo".

- Un rimedio di emergenza tenere sottomano
"Per chi ha già una diagnosi nota di malattia da reflusso gastroesofagea e debba effettuare un viaggio in località esotiche, magari con sistemi sanitari precari, è consigliabile munirsi dei farmaci già in uso senza interrompere la terapia. In caso di una assenza di disturbi il farmaco potrà essere assunto solo al bisogno e nel caso degli inibitori della pompa protonica, di norma al mattino, almeno 20 minuti prima della colazione".

- Quando è opportuno effettuare una esofagogastroduodenoscopia (EGDS)
"In caso di sintomi tipici e con una età inferiore ai 55 anni senza segnali di allarme (vomito ripetuto, perdita di peso inspiegato, disfagia, anemia o presenza di un sanguinamento gastrointestinale) non è necessario ricorrere in prima battuta ad una indagine strumentale. La verifica di uno stato d'infezione di helicobacter pylori e un trattamento medico a base di inibitori della pompa protonica per 4 settimane sono in genere sufficienti. Lo scarso controllo dei sintomi o il persistere della sintomatologia - spiega ancora il medico Aigo - rende opportuna invece una EGDS, che viene sempre consigliata in caso di età maggiore ai 55 anni. In questi casi lo specialista gastroenterologo può intervenire in supporto al medico di medicina generale, per completare il percorso diagnostico-terapeutico nelle modalità e nei tempi più appropriati".

  - La prevenzione, in estate e tutto l'anno
In sintesi, come sempre la salute inizia a tavola: curare la propria alimentazione, che sia semplice, bilanciata e povera di grassi o cibi scatenanti, senza eccessi è una buona prassi da adottare ogni giorno e anche durante le sospirate vacanze, accompagnata dalla limitazione dell'assunzione di alcolici e del fumo e di una regolare attività fisica.

TAG: INIBITORI DI POMPA PROTONICA, REFLUSSO GASTROESOFAGEO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

07/11/2023

Il virus respiratorio sinciziale porta anche alle bronchioliti, causa più frequente di ricovero ospedaliero in bimbi tra 10 e 12 mesi. Ecco come ridurre il...

A cura di Redazione Farmacista33

20/10/2023

Il modo in cui i batteri nell’intestino scompongono i carboidrati durante la digestione può rappresentare una potenziale causa del diabete. In particolare,...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

10/10/2023

Dieta sana, attività fisica regolare, sonno adeguato e interazioni sociali, riducono il rischio di depressione indipendentemente dal rischio genetico. Lo studio...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

06/10/2023

Presentato oggi a Milano nell’ambito dell’iniziativa Milano 4 Mental Health, il “Manifesto Salute mentale bene in Comune” ideato e promosso dal Comune...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Lo smalto dei denti gioca un ruolo vitale

Lo smalto dei denti gioca un ruolo vitale

A cura di Gsk

Gli infermieri autonomi francesi chiedono scorte di vaccini nei loro studi che, però, ne ridurrebbe la somministrazione nelle farmacie di comunità

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2023 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top