Login con

Ricerca

20 Ottobre 2023

Diabete: la composizione batterica del microbioma influenza la resistenza insulinica

Il modo in cui i batteri nell’intestino scompongono i carboidrati durante la digestione può rappresentare una potenziale causa del diabete. In particolare, alcuni batteri possono aiutare a ridurre la resistenza all’insulina

di Paolo Levantino - Farmacista clinico


Diabete: la composizione batterica del microbioma influenza la resistenza insulinica

Una potenziale causa del diabete è il modo in cui i batteri nell’intestino scompongono i carboidrati durante la digestione. Ad oggi, tuttavia, le prove concrete di ciò sono scarse a causa della mancanza di dati metabolici. I ricercatori del Riken hanno deciso così di iniziare a svelare il ruolo del microbioma intestinale e nel processo hanno scoperto un tipo di batteri che può aiutare a ridurre la resistenza all’insulina (Ir).

La composizione batterica è associata a maggiore resistenza all'insulina
Per il loro studio, il team ha esaminato i metaboliti nelle feci di oltre 300 adulti, che avevano fornito questi campioni durante un regolare controllo sanitario, e ha confrontato i risultati metabolici di ciascuna persona con il livello di resistenza all’insulina. "Abbiamo scoperto che una maggiore resistenza all'insulina era associata a un eccesso di carboidrati nella materia fecale", ha detto Ohno, "in particolare monosaccaridi come glucosio, fruttosio, galattosio e mannosio". 
Un eccesso di monosaccaridi ha il potenziale di promuovere l'accumulo ectopico di lipidi attivando anche le cellule immunitarie, portando a un'infiammazione di basso grado e Ir.  

Successivamente, hanno caratterizzato il microbiota intestinale dei partecipanti allo studio e la loro relazione con la resistenza all’insulina e i carboidrati fecali. L’intestino delle persone con maggiore resistenza all’insulina conteneva più batteri dell’ordine tassonomico Lachnospiraceae che di altri ordini. Inoltre, i microbiomi che includevano le Lachnospiraceae erano associati ad un eccesso di carboidrati fecali. Pertanto, un microbiota intestinale dominato da Lachnospiraceae era correlato sia alla resistenza all’insulina che a feci con eccessivi monosaccaridi. Allo stesso tempo, la resistenza all’insulina e i livelli di monosaccaridi erano più bassi nei partecipanti il​​cui intestino conteneva più batteri di tipo Bacteroidales rispetto ad altri tipi.

Batteri intestinali Lachnospiraceae, biomarcatori per il pre-diabete
Come spiega Ohno, “A causa della sua associazione con la resistenza all’insulina, la presenza di batteri intestinali Lachnospiraceae potrebbe essere un buon biomarcatore per il pre-diabete. Allo stesso modo, il trattamento con probiotici contenenti Alistipes indistinctus, del tipo Bacetoidales, potrebbe migliorare l’intolleranza al glucosio nei soggetti con pre-diabete”.  

Sebbene la maggior parte dei probiotici da banco attualmente non contengano i batteri identificati in questo studio, Ohno sollecita cautela nel caso in cui dovessero diventare disponibili. “Questi risultati devono essere verificati in studi clinici sull’uomo prima di poter raccomandare qualsiasi probiotico come trattamento per la resistenza all’insulina”.

Fonte:
https://www.nature.com/articles/s41586-023-06466-x#Sec6  

TAG: DIABETE, INSULINA, RICERCA, MICROBIOMA, BATTERI, DIGESTIONE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/01/2024

Oltre ad approfondire eventuali interazioni tra farmaci e integratori, è opportuno ricordare sempre le raccomandazioni su dieta ed esercizio fisico

A cura di Sabina Mastrangelo

17/01/2024

Naso chiuso e tosse sono sintomi comuni sia al raffreddore stagionale anche all’allergia. Ecco, quindi, come riconoscere dai sintomi le due patologie

A cura di Redazione Farmacista33

16/01/2024

L’elettrocardiogramma effettuato in telemedicina in una farmacia toscana ha permesso l’intervento dei soccorsi, salvando una paziente da un infarto ...

A cura di Redazione Farmacista33

16/01/2024

L’Italia è iodosufficiente: ridotti i rischi legati alla carenza nutrizionale di iodio grazie alla promozione del sale iodato. Lo spiega uno studio dell'Iss...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

A casa come in palestra, non scivolare sul bagnato

A casa come in palestra, non scivolare sul bagnato

A cura di Viatris

Sequestrati anabolizzanti, antibiotici, antinfiammatori, prodotti per la disfunzione erettile, integratori, sostanze dopanti - per un valore di circa 9 milioni di ...

A cura di Francesca Giani

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top