Login con

Farmacisti

05 Luglio 2023

Tattoo temporanei e dermatite: riconoscere i sintomi e attivare cosmetovigilanza


Hennè e decalcomania su pelle possono provocare dermatite da contatto. Fondamentale conoscere i sintomi e attivare la Cosmetovigilanza

Tatuaggi temporanei con hennè o decalcomanie sulla pelle, usati spesso in estate come decorazione cancellabile, possono causare dermatiti da contatto. La Food and drug administration americana (FDA) ha già ricevuto segnalazioni di reazioni avversi da tatuaggi temporanei. In Italia, i pazienti e gli operatori sanitari possono riportare i propri sospetti al medico di famiglia e al farmacista di fiducia che segnaleranno al Ministero della Salute attraverso l'attività di Cosmetovigilanza. Ecco in dettaglio come riconoscere, prevenire e affrontare la dermatite da contatto causata da decalcomanie e tatuaggi all'hennè.


Decalcomanie e hennè: consigliato fare sempre un patch test

Come riporta la FDA, "I tatuaggi temporanei con decalcomanie vengono utilizzati per decorare qualsiasi parte del corpo, comprese le aree del viso e intorno agli occhi, e possono durare per un giorno o fino a una settimana o più". La decalcomania su pelle è conosciuta anche con il nome di "trasferelli" e sono particolarmente apprezzati dai bambini. Queste decorazioni sono immagini allegate a un supporto rimovibile dal supporto mediante bagnatura e l'immagine poi applicata direttamente sulla pelle. Altri hanno un supporto che aderisce alla pelle, creando una barriera parziale o completa tra la pelle e i coloranti utilizzati nell'immagine.

L'henné, invece, è una colorazione ricavata da una pianta, utilizzata come tintura per capelli e per disegnare i tatuaggi temporanei. Poiché l'henné in genere produce una tinta marrone, marrone-arancio o bruno-rossastro, è necessario aggiungere altri ingredienti per creare quelli commercializzati come "henné nero" (detto anche black henna) e "henné blu". Spesso, infatti, l'hennè è mescolato a parafenilenediamina (PPD), per ridurre il tempo di fissaggio o per ottenere una colorazione più scura. Sia per le decalcomanie sia per l'hennè è sempre consigliato effettuare un "patch test" su una piccola area della pelle prima di applicarli su zone più grandi.


Dermatite da contatto: segni e sintomi

Il Ministero della Salute riporta che il regolamento europeo sui prodotti cosmetici stabilisce che quelli immessi sul mercato debbano essere "sicuri per la salute umana se utilizzati in condizioni d'uso normali o ragionevolmente prevedibili. Nonostante questo, però, è possibile che si verifichino degli effetti indesiderabili a seguito di utilizzo di un prodotto cosmetico". Infatti, hennè e decalcomanie possono causare un'infiammazione della pelle per il contatto diretto con sostanze irritanti (dermatite da contatto irritante) o allergeni (dermatite allergica da contatto). I sintomi comprendono:
-prurito
-dolore
-eritema
-desquamazione
-tumefazione cutanea
-vesciche
- ulcerazioni


Trattamento e cosmetovigilanza

Normalmente per trattare la dermatite da contatto vengono utilizzati corticosteroidi topici, antipruriginosi e si consiglia di evitare l'uso del prodotto o degli agenti irritanti e allergizzanti. Grazie all'attività di Cosmetovigilanza del Ministero della Salute vengono raccolte le segnalazioni degli effetti avversi attribuibili all'uso di un cosmetico. Questo facilita la sorveglianza post-marketing e garantisce la tutela della salute dei cittadini. È sufficiente recarsi dal proprio medico di famiglia o dal farmacista di fiducia che compilerà il form disponibile sul sito.


Fonti:

https://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?lingua=italiano&id=149&area=cosmetici&menu=vigilanza  https://www.fda.gov/cosmetics/cosmetic-products/temporary-tattoos-hennamehndi-and-black-henna-fact-sheet#decal

TAG: PELLE, DERMATITE ALLERGICA DA CONTATTO, FDA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

09/05/2024

Si è svolto oggi il primo incontro tra il Presidente dell’AIFA, Robert Nisticò e il Presidente di Farmindustria, Marcello Cattani, presso sede dell’Agenzia che ha portato alla costituzione...

A cura di Redazione Farmacista33

08/05/2024

AstraZeneca ritira il proprio vaccino anti-Covid Vaxzevria in linea con l’indicazione data dall'Agenzia europea del farmaco sui vaccini non più usati e non aggiornati. Ecco le motivazioni

A cura di Simona Zazzetta

02/05/2024

Il nuovo ruolo di Aifa nelle parole del neo Presidente Robert Giovanni Nisticò, intervistato da Sanità33: "L’AIFA deve essere più presente nelle dinamiche internazionali, sa nell’European...

A cura di Redazione Farmacista33

02/05/2024

Le carenze intermittenti nella fornitura di capsule rigide di Creon verranno risolte nella seconda metà del 2026. La carenza non interessa la formulazione in granulato

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Ecran, la linea di solari e doposole n° 1 in Spagna

Ecran, la linea di solari e doposole n° 1 in Spagna

A cura di Uragme

La nistatina è un antimicotico utilizzato per il trattamento delle micosi di cute e mucose (incluse quelle genitali) in caso di mancanza momentanea, si può provvedere all’allestimento della forma...

A cura di Luca Guizzon (Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia)

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top