Login con

Pharma

14 Luglio 2020

Stipsi, spesso il problema è uno stile alimentare scorretto


La stipsi è un disturbo funzionale dell'intestino e la sua prevalenza cresce con l'avanzare degli anni. Ecco cosa chiedere al paziente e i rimedi adatti dalla fitoterapia agli Otc

La stipsi è un disturbo funzionale dell'intestino contraddistinto da defecazioni persistentemente difficoltose o apparentemente incomplete, e che non soddisfa i criteri dell'intestino irritabile.

Inquadramento del problema

Il termine stipsi fa riferimento sia alla ridotta frequenza delle evacuazioni che alle difficoltà di svuotamento dell'intestino e alla sensazione di evacuazione incompleta. Nella maggiorana dei casi si tratta di un problema dovuto a un errato stile alimentare (scarso apporto di fibre e di liquidi) e comportamentale (in particolare sedentarietà). La stipsi viene classificata come occasionale se riconducibile a particolari situazioni, acuta se di durata inferiore ai 3 mesi, cronica se di durata superiore ai 6 mesi. Il disturbo può interessare ogni età, ma è più presente nel genere femminile, e la sua prevalenza cresce con l'avanzare degli anni. Nella terza età il rischio di stipsi è 5 volte maggiore rispetto all'età giovanile.

Sintomi: ecco cosa chiedere al paziente

La stipsi si distingue in due momenti patogenetici che possono essere presenti isolatamente o anche associati. Si parla di stipsi propulsiva in presenza di una frequenza di evacuazione ridotta, mancanza di stimolo evacuativo, emissione di feci piccole e dure, e mancanza di miglioramento anche dopo aver aumentato l'introito di acqua e di fibre. Si presuppone una stipsi espulsiva se viene riferito un bisogno di sforzare molto la defecazione, la sensazione di incompleto svuotamento intestinale o di "blocco" anale, la necessità di compiere più tentativi nella giornata.

I rimedi adatti dalla fitoterapia agli Otc

In caso di stipsi propulsiva trovano indicazione i seguenti farmaci: lassativi formanti massa, che aumentano il volume delle feci rendendole più morbide. (psyllium, ispaghula, clacio, crusca, metilcellulosa...), indicati in presenza di stipsi acuta, occasionale o con feci dure. Ammorbidenti fecali: modificano la consistenza delle feci facilitandone il transito e si possono associare ai farmaci formanti massa (olio di paraffina, olio di mandorle dolci, olio di ricino). Lassativi osmotici che aumentano il contenuto di acqua nell'intestino (salini, carboidrati on assorbibili...). Infine, stimolanti la motilità e l'evacuazione: antrachinonici, bisacodile, sodio picosolfato. Il loro utilizzo non deve essere cronico. In caso di riduzione della frequenza evacuativa e come coadiuvanti i lassativi emollienti e formanti massa. Se si ipotizza una stipsi espulsiva, si presuppone che il problema sia localizzato a livello dell'ampolla ano-rettale. E l'obiettivo è favorire l'evacuazione con stimolo locale (microclismi, supposte). I prodotti a base di glicerina possono provocare fastidio locale e bruciore. Un elemento da tenere in considerazione, dato che in caso di stipsi sono frequenti complicazioni come ragadi ed emorroidi, fenomeni che risentono negativamente del contatto con sostanze irritanti.

Il consiglio del farmacista

Agli anziani è bene consigliare di non sospendere di colpo i trattamenti e i rimedi in uso (specie a chi ha cercato di gestire la stipsi in maniera inappropriata o in autonomia), ma di cercare piuttosto di adeguare le posologie, meglio integrando i regimi terapeutici in corso con prodotti di provata efficacia e modificando, per quanto possibile, le abitudini e l'alimentazione. Suggerire alcune precauzioni circa l'assunzione di alimenti e integratori ricchi di fibre. Ad esempio, distanziarne l'assunzione rispetto agli eventuali farmaci in uso per non influenzarne l'assorbimento.

Alessandra Margreth

Fonti

Inquadramento clinico e gestione dei disturbi minori in farmacia di Corrado Giua Marassi, edizioni Edra

TAG: MALATTIE GASTROINTESTINALI, STOMACO, MALATTIE INTESTINALI, INTESTINO, FARMACISTI, STIPSI, DISTURBI GASTROINTESTINALI, FARMACISTA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

09/05/2024

Si è svolto oggi il primo incontro tra il Presidente dell’AIFA, Robert Nisticò e il Presidente di Farmindustria, Marcello Cattani, presso sede dell’Agenzia che ha portato alla costituzione...

A cura di Redazione Farmacista33

08/05/2024

AstraZeneca ritira il proprio vaccino anti-Covid Vaxzevria in linea con l’indicazione data dall'Agenzia europea del farmaco sui vaccini non più usati e non aggiornati. Ecco le motivazioni

A cura di Simona Zazzetta

02/05/2024

Il nuovo ruolo di Aifa nelle parole del neo Presidente Robert Giovanni Nisticò, intervistato da Sanità33: "L’AIFA deve essere più presente nelle dinamiche internazionali, sa nell’European...

A cura di Redazione Farmacista33

02/05/2024

Le carenze intermittenti nella fornitura di capsule rigide di Creon verranno risolte nella seconda metà del 2026. La carenza non interessa la formulazione in granulato

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Potenziare le Farmacie di Prossimità - SempliFarma

Potenziare le Farmacie di Prossimità - SempliFarma

A cura di Remedio

Antonio Modola, 36 anni, ha una Laurea Magistrale in Comunicazione Pubblica e Sociale conseguita presso l’Università di Bologna e un Master in Marketing & Business Administration presso ISTUD...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top