Login con

Pharma

14 Luglio 2021

Doping, vietata la preparazione galenica ormone Dhea. Specialisti: si penalizzano i pazienti


Dal 1° giugno è vietata la preparazione galenica a uso sistemico del deidroepiandrosterone Dhea, gli specialisti: garantire la prescrizione per le persone con una documentata carenza

Il Decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 1° giugno 2021 vieta la preparazione galenica a uso sistemico del deidroepiandrosterone (DHEA) e resta possibile solo la prescrizione topica e la preparazione di gel o crema. La Società italiana di endocrinologia (Sie) e la Società italiana di ginecologia ed ostetricia (Sigo), chiedono, in una lettera congiunta al ministro della Salute Roberto Speranza, che sia possibile una nota in deroga perché il DHEA possa continuare a essere prescritto alle persone con una documentata carenza di questo ormone, in analogia alla buona pratica clinica per la carenza di qualunque altro ormone.

Effetto anabolizzante, rischio abuso per doping

Alla base del divieto c'è il timore che venga utilizzato come doping per il suo effetto anabolizzante essendo un precursore del testosterone, oltre che degli estrogeni e del progesterone, con un effetto trofico sul muscolo. A pochi giorni dall'avvio delle Olimpiadi di Tokyo 2021, mentre tutti i riflettori sono puntati sugli sportivi, "è però necessario distinguere l'utilizzo illecito e quello terapeutico di un ormone che è una terapia efficace per migliaia di uomini e donne italiani, a cui è indispensabile e urgente garantire il diritto alla cura, poiché in Italia non esistono farmaci industriali a base di DHEA", sottolineano le due società scientifiche in occasione del 41° Congresso nazionale che si tiene a Roma dal 14 al 17 luglio. «Chiediamo al ministro Speranza di considerare che proibire la somministrazione dell'ormone DHEA, senza permettere una necessaria reintegrazione da parte degli specialisti in caso di documentata carenza, costituisce un grave danno per la salute di molti italiani, perché il calo della produzione di DHEA è inevitabile e consistente soprattutto nelle donne in menopausa, nelle quali può essere utile a ritrovare più salute e più benessere. La proibizione è tuttavia dannosa anche per tutti gli uomini con una documentata carenza», affermano il presidente Sie Francesco Giorgino e il presidente Sigo Antonio Chiantera.

Distinguere l'uso corretto e terapeutico nei pazienti da quello illecito

Il DHEA, che viene prodotto per il 20% dall'ovaio e per l'80% dal surrene, è precursore di tutti gli ormoni sessuali ed è essenziale per la salute delle cellule nervose, del tessuto muscolare e dell'osso, oltre che per un buon funzionamento del sistema immunitario. La sua produzione raggiunge il picco intorno ai trent'anni e poi diminuisce, soprattutto nelle donne in menopausa in cui è ridotta del 60-70%; una carenza di DHEA si può avere poi in entrambi i sessi per deficit ipofisario, surrenalico o testicolare. A causa del suo effetto anabolizzante sui muscoli, il DHEA è considerato una sostanza dopante dal Comitato internazionale Olimpico ed è quindi nel mirino delle autorità in vista delle Olimpiadi di Tokyo. «È tuttavia necessario distinguere l'uso corretto e terapeutico dell'ormone da quello illecito, facendo emergere il sommerso: spesso il DHEA viene acquistato online e utilizzato da giovani atleti amatoriali o professionisti che mettono a rischio la propria salute assumendolo senza avere carenze e affidandosi a prodotti di dubbia provenienza - sottolineano i due presidenti -. Questi impieghi vanno senz'altro stigmatizzati e combattuti, ma proibire una reintegrazione in caso di carenza documentata, a dosaggi appropriati e dietro prescrizione dello specialista ginecologo, endocrinologo e/o andrologo, significa privare migliaia di donne e molti uomini italiani di un aiuto necessario a un miglior progetto di longevità in salute. Con l'appropriata reintegrazione del DHEA l'unico ormone che si riduce è il cortisolo, che altrimenti aumenta con l'età determinando un'infiammazione cronica sistemica e marcando l'invecchiamento patologico».

TAG: PREPARAZIONI FARMACEUTICHE, ORMONI, DOPING NELLO SPORT

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

23/02/2024

Molteplici le reazioni alle dimissioni di Giorgio Palù dall’incarico di presidente dell’Aifa. Schillaci e Gemmato: accolto suggerimento di nominare un ...

23/02/2024

Tra i 10 farmaci di cui il Chmp dell’Ema ha raccomandato l’approvazione ci sono anche due vaccini contro influenza aviaria da usare in caso di pandemia ...

A cura di Redazione Farmacista33

22/02/2024

Dopo appena due settimane dalla nomina, Giorgio Palù ha lasciato l’incarico di presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), sarebbe dovuto restare in carica un anno

21/02/2024

Il Consiglio di amministrazione del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ha nominato Pamela Rendi-Wagner alla direzione per...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Yes weekend! Ma con fotoprotezione Heliocare - Heliocare

Yes weekend! Ma con fotoprotezione Heliocare - Heliocare


La Commissione Europea ha annunciato il lancio di due importanti progetti volti a sostenere le priorità dell'UE per la salute della popolazione finanziati con 126...

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top