Login con

Pharma

28 Aprile 2022

Fratture da osteoporosi, interazione tra Fans e bifosfonati: nuovo studio


Una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Bone and Mineral Research suggerisce che i Fans possano bloccare gli effetti benefici dei bifosfonati

Una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Bone and Mineral Research suggerisce che i farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans) possano bloccare gli effetti benefici dei bifosfonati. «È stato riferito che i Fans hanno effetti deboli ma benefici sulla salute delle ossa, ma l'argomento è ancora poco studiato. Per questo abbiamo esplorato tale relazione» spiega Eugene McCloskey, del Northern General Hospital, nel Regno Unito, autore senior dello studio. I ricercatori hanno condotto un'analisi post-hoc di uno studio ben documentato, randomizzato e controllato con placebo sul bifosfonato clodronato, in cui il trattamento ha ridotto il rischio di frattura da osteoporosi del 23%.


Ridotto l'effetto del bifosfonato

Lo studio comprendeva 5.212 donne residenti in comunità di età pari o superiore a 75 anni, e di queste 1.082 hanno riferito l'uso di Fans al basale. Nelle donne che assumevano clodronato e Fans, l'effetto di riduzione del rischio di fratture da osteoporosi dovuto al bifosfonato non è stato osservato, a differenza delle donne che non assumevano gli antinfiammatori. In un sottogruppo di donne sottoposte a esame della densità minerale ossea dell'anca al basale e a tre anni, la perdita di densità minerale ossea durante la terapia con clodronato è stata maggiore in chi ha assunto i Fans rispetto alle donne che non li utilizzavano, e addirittura tale perdita non era significativamente diversa da quella osservata nelle pazienti trattate con placebo invece che con clodronato. L'efficacia del bifosfonato nel ridurre il rischio di frattura è stata quindi ampiamente ridotta nelle persone che hanno ricevuto Fans. Gli esperti ritengono che, sebbene il meccanismo alla base di questo riscontro non sia chiaro, l'osservazione sia clinicamente significativa e richieda approfondimenti. «Dobbiamo usare una certa cautela nell'estrapolare questi dati ai bifosfonati più ampiamente utilizzati nell'osteoporosi, ma dato che l'uso concomitante di Fans e bifosfonati è relativamente comune, il nostro riscontro potrebbe avere importanti conseguenze cliniche e comportare un'incapacità di ridurre il rischio di fratture quanto speravamo» concludono gli autori.

Fonti:

Journal of Bone and Mineral Research 2022.
Doi: 10.1002/jbmr.4548 https://doi.org/10.1002/jbmr.4548

TAG: FARMACI ANTINFIAMMATORI NON STEROIDEI, OSTEOPOROSI, BIFOSFONATI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

10/07/2024

L'AIFA convoca per il 19 luglio le società scientifiche e le organizzazioni rappresentative dei Medici di Medicina Generale per il primo incontro del “Tavolo tecnico per la revisione delle Note...

A cura di Redazione Farmacista33

09/07/2024

AIFA rinnova la sua banca dati del farmaco da cui si può accedere alle informazioni sui medicinali ad uso umano autorizzati in Italia e scaricare direttamente su smartphone l’App “AIFA...

A cura di Redazione Farmacista33

09/07/2024

AIFA ha reso disponibile un aggiornamento dei documenti relativi al monitoraggio mensile della spesa farmaceutica nazionale e regionale per il periodo gennaio / dicembre 2023 (1° rilascio)

A cura di Redazione Farmacista33

05/07/2024

L’appello emerso nell’ambito della 16° edizione di ICAR Italian Conference on AIDS and Antiviral Research, in corso a Roma presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Per una notte di sonno tranquillo

Per una notte di sonno tranquillo

A cura di Lafarmacia.

Luca Pieri presidente di Assofarm risponde alla “reazione negativa” generata dal dibattito pubblico aperto dal sindacato delle farmacie comunali sulla possibilità di creare una nuova figura...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top