Login con

Pharma

16 Gennaio 2023

Nuovi farmaci 2023, le sperimentazioni in corso. Il Rapporto di GlobalData


GlobalData pubblica un rapporto relativo a quanto è atteso nel campo della sperimentazione clinica nel corso del 2023. Molta attenzione a patologie rilevanti

Nel 2023 le sperimentazioni sui farmaci saranno soprattutto focalizzate in ambito oncologico e nella terapia del dolore, resta alta l'attenzione su vaccini e immunoprofilassi endonasale Covid. La genomica avrà un ruolo significativo. Questo il quadro tracciato da GlobalData che ha pubblicato un rapporto relativo a quanto è atteso nel campo della sperimentazione clinica nel corso del 2023.


Sperimentazioni cliniche e trial multinazionali

La maggior parte dei trial pianificati per l'anno corrente sono di fase 2 (fino al 43%). A questi seguono quelli di fase 1 (25%), fase 3 (22%) e fase 4 (10%). A dominare sono gli studi monocentrici e/o nazionali, con l'89,8%, a fronte del 10,2% di quelli multicentrici condotti in nazioni diverse. Riguardo al supporto finanziario ai ricercatori, università e istituzioni sono prevalenti negli studi condotti in singoli Paesi (63,1%) mentre nei trial multinazionali prevalgono le sponsorizzazioni delle aziende farmaceutiche (74,2%). Guardando alle macroaree geografiche, il complesso Apac (Asia-Pacifico) detiene il maggior numero di studi di cui è prevista la conclusione entro l'anno, seguito dal Nord America e dall'Europa. In linea con gli anni precedenti, anche nel 2023 le sperimentazioni saranno soprattutto focalizzate nell'ambito oncologico e antalgico. Da notare come, in relazione al Covid-19, gli studi in corso siano numericamente scesi in quarta posizione, persistendo comunque una specifica attenzione su vaccini in grado di offrire una più ampia protezione verso una maggiore quantità di varianti antigeniche di Sars-Cov-2 e sull'immunoprofilassi endonasale, oltre che su potenziali trattamenti per il Long-Covid.


Trattamenti first-in-class per patologie rilevanti

Il rapporto di "GlobalData", scendendo nei dettagli, elenca la possibile approvazione di trattamenti 'first-in-class' per una serie di patologie clinicamente rilevanti. È il caso dell'editing genomico mediante tecnica Crispr/Cas9 (exagamglogene autotemcel) per la correzione del Dna nelle emoglobinopatie (beta-talassemia trasfusione-dipendente e anemia falciforme) garantendo nel 90% dei casi l'indipendenza trasfusionale.

Grande interesse è suscitato inoltre da uno studio tedesco in fase iniziale relativo all'uso di staminali muscolari per una terapia definitiva del gruppo di malattie genetiche comprese nella distrofia muscolare. Naturalmente ampia attesa è suscitata da lecanemab - nuovo anticorpo monoclonale indicato per contrastare l'Alzheimer in fase precoce agendo sugli aggregati di beta-amiloide - al quale la Fda ha concesso l'approvazione accelerata (per l'Ema l'autorizzazione è prevista per fine marzo). Sono comunque necessari ulteriori studi di sicurezza per via di effetti collaterali, peraltro presenti con frequenza minore rispetto ad altri principi attivi analoghi precedentemente testati.


Genomica: ruolo significativo per tutto il 2023

Da sottolineare come la genomica continuerà a svolgere un ruolo significativo nell'aiutare a comprendere, prevenire e curare le malattie per tutto il 2023. Insieme ai continui progressi nelle tecnologie di sequenziamento e analisi dei dati, la genomica ha il potenziale per migliorare la velocità della diagnosi e offrire opportunità per personalizzare gli approcci terapeutici dei pazienti, tanto che il 17% dei professionisti del settore sanitario si aspetta che la genomica abbia il maggiore impatto sull'industria farmaceutica nel 2023. L'analisi basata sul sequenziamento del genoma (da Dna tumorale circolante ottenuto mediante 'biopsia liquida') è infatti fondamentale per portare precisione nella terapia del cancro. A tale proposito, va segnalato che di recente diverse nazioni Apac (in cui il cancro del polmone è una delle forme tumorali prevalenti) si sono unite per facilitare la diagnosi del carcinoma polmonare basata sul Dna attraverso la creazione di una piattaforma completa di screening genomico chiamata 'Lc-Scrum-Ap', mediante la quale i pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule (Nsclc) avanzato o ricorrente saranno sottoposti a screening e classificati in base alla presenza di mutazioni in geni importanti come Egfr, Alk e Ros1. Di conseguenza, i medici possono utilizzare i dati di sequenziamento del Dna per prescrivere farmaci specifici per la mutazione rilevata, consentendo un più rapido accesso a interventi clinici mirati.

TAG: SPERIMENTAZIONI CLINICHE, FASE III, SPERIMENTAZIONI CLINICHE, GENETICA MEDICA, FARMACOGENETICA, SPERIMENTAZIONI CLINICHE, FASE I, FARMACI IN SPERIMENTAZIONE, SPERIMENTAZIONI CLINICHE, FASE II

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/02/2024

Emanuele Monti, Presidente IX Commissione Sostenibilità Sociale, Casa e Salute della Regione Lombardia entra nel Consiglio di amministrazione dell'Agenzia...

A cura di Redazione Farmacista33

15/02/2024

Il ministro della Salute Orazio Schillaci ha firmato il decreto che nomina Giorgio Palù Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco

A cura di Redazione Farmacista33

12/02/2024

La nota AIFA, a seguito del parere dell’EMA, indica il rischio di PRES e RCVS se si utilizzano medicinali con pseudoefedrina

A cura di Redazione Farmacista33

08/02/2024

La Conferenza Stato-Regioni ha dato il via libera, nella riunione dell'8 febbraio, alla nomina a presidente dell'Agenzia italiana del farmaco, Giorgio Palù, e ha...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Dottor Ettore Stuani Skin Care

Dottor Ettore Stuani Skin Care


Un nuovo studio pubblicato su Scientific Reports rileva che un piccolo gruppo di microrganismi potrebbe influenzare la motilità degli spermatozoi.

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top