Login con

Pharma

28 Febbraio 2023

Ansiolitici orali, uso in animali da sottoporre a esami veterinari: gli effetti collaterali


Sottoporre ad esame neurologico i gatti spesso può presentare delle difficoltà; per questo non è raro che prima della visita agli animali vengano somministrati, come ansiolitici a breve termine, farmaci orali quali per esempio il trazodone e il gabapentin. Quest'ultimo ha dimostrato di ridurre lo stress e l'aggressività, e di aumentare la cooperazione durante il trasporto e l'esame.Non mancano, tuttavia, gli effetti avversi. Se ne parla in un articolo pubblicato da Vet33 (https://www.vet33.it/clinica/838/nei-gatti-l-effetto-ansiolitico-del-gabapentin-puo-falsare-la-diagnosi.html).

Gli eventi avversi da monitorare

Nei gatti, infatti sono state segnalati atassia, sedazione, debolezza, tremori, vomito e ipersalivazione mentre nei canisi sono evidenziate sedazione e atassia. Alla luce di ciò è stato naturalechiedersi se tali effetti possano avere un impatto negativo sull'esame neurologico, portando a conclusioni e diagnosi errate.Unostudio clinico prospettico, randomizzato e in ciecoha quindi deciso di valutare l'influenza di una dose orale di gabapentin prima di un esame neurologico in 35 gatti sani.

L'ipotesi di partenza era che le proprietà sedative del gabapentin possano alterare i risultati di un esame neurologico, specialmente nei test dipendenti dal coinvolgimento corticale, come le reazioni posturali e la risposta alla minaccia.I gatti sono stati programmati per due appuntamenti e assegnati in modo casuale a ricevere un placebo o una capsula di gabapentin da 100 mg prima della seconda visita veterinaria. Durante ogni visita è stato eseguito un esame neurologico e i risultati sono stati confrontati tra i gruppi.

Nei 17 gatti cui è stato somministrato gabapentin, l'andatura e le reazioni posturali sono state significativamente influenzate.Confrontando il gruppo gabapentin con quello placebo, l'atassia propriocettiva è stata identificata in 4/17 (23,5%) vs 0/18 gatti (P???= 0,0288);i deficit di posizionamento delle zampe sono stati osservati in 10/11 (90,9%) vs 1/4 (25%) gatti;i deficit di posizionamento tattile del tavolo sono stati identificati in 13/17 (76,5%) vs 0/18 gatti (P??<0,0001);deficit di salto sono stati osservati in 5/17 (29,4%) vs 0/16 gatti (P???= 0,0185);e anomalie e nella spinta posturale estensoria sono state riportate in 5/17 (29,4%) vs 0/18 gatti (P?= 0,0129).

Nessuna differenza significativa è stata invece notata nella valutazione del livello e del contenuto di coscienza, postura, nervi cranici e nervi spinali.

Conclusioni

Alla luce di queste evidenze si è concluso che poiché una singola dose orale di 100 mg di gabapentin, prima dell'appuntamento, ha alterato significativamente l'analisi dell'andatura e le reazioni posturali in gatti sani,l'interferenza del farmaco potrebbe portare a falsi positivi, all'identificazione potenzialmente errata di deficit neurologici, a un aumento dei costi di indagine e al rinvio di una diagnosi corretta.

Pertanto, dopo l'identificazione di atassia o deficit di reazione posturale in un gatto che ha ricevuto gabapentin prima dell'appuntamento, gli autori raccomandano, se possibile, di ripete la valutazione neurologica evitando la somministrazione del farmaco. Diverso invece il discorso per quanto attiene la valutazione dei nervi cranici e dei riflessi spinali: poiché il gabapentin non l'ha compromessa, si può essere più sicuri dei risultati di questi test.

TAG: VETERINARI, ANSIOLITICI, FARMACI VETERINARI, ANIMALI DOMESTICI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

09/05/2024

Si è svolto oggi il primo incontro tra il Presidente dell’AIFA, Robert Nisticò e il Presidente di Farmindustria, Marcello Cattani, presso sede dell’Agenzia che ha portato alla costituzione...

A cura di Redazione Farmacista33

08/05/2024

AstraZeneca ritira il proprio vaccino anti-Covid Vaxzevria in linea con l’indicazione data dall'Agenzia europea del farmaco sui vaccini non più usati e non aggiornati. Ecco le motivazioni

A cura di Simona Zazzetta

02/05/2024

Il nuovo ruolo di Aifa nelle parole del neo Presidente Robert Giovanni Nisticò, intervistato da Sanità33: "L’AIFA deve essere più presente nelle dinamiche internazionali, sa nell’European...

A cura di Redazione Farmacista33

02/05/2024

Le carenze intermittenti nella fornitura di capsule rigide di Creon verranno risolte nella seconda metà del 2026. La carenza non interessa la formulazione in granulato

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

EG STADA Group lancia LopiGLIK

EG STADA Group lancia LopiGLIK

A cura di EG Stada Group

Il PRAC raccomanda la sospensione dei medicinali contenenti idrossiprogesterone caproato dal mercato europeo. La revisione degli studi ha sollevato possibili problematiche di sicurezza e ha osservato...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top