Login con

Vaccini

10 Luglio 2023

Vaccini nasali, Iss partner del progetto NoseVac: in sviluppo anti polmonite, pertosse, influenza e Covid-19

L'Istituto superiore di sanità è partner del progetto europeo NoseVac, nato per sviluppare vaccini a somministrazione nasale contro polmonite, pertosse, influenza e Covid-19


Vaccini nasali, Iss partner del progetto NoseVac: in sviluppo anti polmonite, pertosse, influenza e Covid-19

L'Istituto superiore di sanità è partner del progetto di ricerca europeo NoseVac, nato per sviluppare vaccini a somministrazione nasale a base proteica o a Rna, contro patogeni che provocano malattie respiratorie con un alto tasso di morbidità e mortalità: tra i primi progetti, previsti nei prossimi 5 anni, il vaccino nasale bivalente contro Streptococcus pneumoniae e Bordetella pertussis, e un altro contro virus influenzali e Sars-CoV-2.


Focus su malattie respiratorie con alto tasso di morbidità e mortalità per combattere patogeni respiratori con un alto rischio epidemico

Il progetto di ricerca nasce sotto il coordinamento dell'European Vaccine Initiative ed è stato affidato a un pool di esperti composto da 12 team di ricerca proveniente dall'UE dalla Svizzera e dal Regno Unito, si prefigge l'obiettivo di sviluppare formulazioni vaccinali contenenti proteine o Rna relativi ad antigeni dei batteri e virus che infettano il tratto respiratorio superiore. In particolare, si occupa dello sviluppo di vaccini nasali contro le infezioni causate dai batteri S. pneumoniae e B. pertussis e i virus influenzali e Sars-CoV2, infezioni responsabili di importanti malattie respiratorie con un alto tasso di morbidità e mortalità, rispettivamente polmonite, pertosse, influenza e Covid-19. NoseVac, si legge in una comunicazione dell'Iss, intende aprire "un filone di ricerca strategico volto a combattere i patogeni respiratori con un alto rischio epidemico. Infatti, l'approccio basato sulla messa a punto di formulazioni per vaccinazioni intranasali nasce dall'esigenza di stimolare una immunità mucosale per prevenire non solo l'infezione ma anche la colonizzazione microbica, eventi che non sono ben controllati dalle vaccinazioni "classiche" intramuscolo o sottocutanee".


Iss guida la caratterizzazione dei candidati vaccinali

All'interno di Nosevac, l'Iss è leader del task per la caratterizzazione dei candidati vaccinali utilizzando modelli in vitro basati su cellule primarie umane, in virtù della sua competenza di settore. "Il progetto affronta un tema di grande attualità ovvero ottimizzare nuove strategie vaccinali per combattere le infezioni respiratorie ad alto rischio epidemico - spiega il responsabile scientifico ISS per il progetto, Eliana Marina Coccia - verso cui è necessario stimolare una risposta protettiva nelle alte vie respiratorie, punto di ingresso dei patogeni. In questo contesto il Dipartimento di Malattie Infettive dell'Iss rappresenta un partner particolarmente attento alla lotta contro le infezioni emergenti e riemergenti verso cui sono in corso diversi studi relativi alla patogenesi, ai meccanismi di immunoevasione e antibiotico-resistenza".

TAG: ISTITUTO SUPERIORE DI SANITà, POLMONITE PNEUMOCOCCICA, VACCINI, COVID

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

19/02/2024

L’Aifa ha recepito nuove misure indicate dall’Ema sulle restrizioni d’uso dei farmaci contenenti valproato e ha pubblicato un Nota informativa importante...

A cura di Redazione Farmacista33

15/02/2024

Nonostante l’introduzione della vaccinazione anti-pneumococcica resta ancora bassa la sensibilità dello Streptococcus pneumoniae alle penicilline, ma sono...

A cura di Sabina Mastrangelo

14/02/2024

Nell’ovaio policistico si raccomandano i contraccettivi orali combinati per trattare cicli irregolari e iperandrogenismo senza protocolli definiti. Una...

A cura di Redazione Farmacista33

13/02/2024

Uno studio ha messo in evidenza che il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer in chi ha assunto farmaci per la disfunzione erettile è più basso del...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Estate agli sgoccioli

Estate agli sgoccioli

A cura di Alfasigma

Il farmacista ha cambiato profilo anche in ospedale dove passa dalla gestione di medicinali e dispositivi medici, all’intervento sull’appropriatezza, alla ...

A cura di Mauro Miserendino

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top