Login con

Ricerca

26 Luglio 2023

Ipertensione, accordo Roche-Alnylam Pharmaceuticals per nuovo farmaco sperimentale

La partnership tra Roche e Alnylam Pharmaceuticals riguarda il farmaco zilebesiran, in studio per ipetensione lieve e moderata. Si attendono i dati degli studi di fase II

di Redazione Farmacista33


Ipertensione, accordo Roche-Alnylam Pharmaceuticals per nuovo farmaco sperimentale

Roche ha stretto una partnership con Alnylam Pharmaceuticals per studiare zilebesiran, un promettente trattamento per la cura dell’ipertensione, attualmente in studio clinico di fase II. In base all’accordo Roche pagherà ad Alnylam più di 300 milioni di dollari in anticipo per condividere i diritti sul trattamento sperimentale. Inoltre, l’azienda avrà l’onere della maggior parte dei costi di gestione di uno studio clinico che verrà condotto con l’obiettivo di verificare se zilebesiran può ridurre il rischio di eventi cardiovascolari pericolosi, come infarti e ictus. Lo riporta doctor33.  

Zilebesiran in studi clinici di fase II in soggetti con ipertensione lieve o moderata

 “Questa collaborazione ci permette di sviluppare zilebesiran in modo più solido per garantire risultati rilevanti, sia per le autorità sanitarie che per la pratica clinica, al fine di aiutare il maggior numero possibile di pazienti”, ha dichiarato in un comunicato Yvonne Greenstreet, CEO di Alnylam.

 Alnylam, specializzata in farmaci diretti all’RNA, ha studiato zilebesiran in soggetti con ipertensione lieve o moderata. Attualmente sono in corso due studi di Fase II e i dati preliminari per il primo sono attesi “a metà del 2023”, mentre quelli per il secondo anno sono previsti all’inizio del 2024. L’azienda USA manterrà i diritti di co-commercializzazione e di condivisione dei profitti di zilebesiran negli Stati Uniti, mentre concederà a Roche una licenza esclusiva per il farmaco al di fuori degli USA. Alnylam, infine, potrebbe ricevere ulteriori somme se il farmaco raggiungerà determinati traguardi di sviluppo, normativi e di vendita. Complessivamente l’accordo potrebbe arrivare a valere fino a 2,8 miliardi di dollari.  

TAG: FARMACI, RICERCA, MEDICINA, IPERTENSIONE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

09/04/2024

Il farmaco orale nirmatrelvir/ritonavir (Paxlovid) somministrato entro un giorno dalla diagnosi ha portato a una rapida riduzione della carica virale in...

A cura di Sabina Mastrangelo

09/04/2024

Di infertilità, precorsi di procreazione medicalmente assistita (Pma) e stimolazione ovarica si è parlato con diversi esperti in materia durante un evento promosso da Ibsa ...

A cura di Redazione Farmacista33

08/04/2024

La Commissione Europea ha approvato aripiprazolo 960 mg come formulazione iniettabile a lunga durata d’azione per il trattamento di mantenimento  della schizofrenia nei pazienti...

A cura di Redazione Farmacista33

08/04/2024

Omeoimprese lancia,  in collaborazione con associazioni di medici esperti in omeopatia e pazienti, campagna di sensibilizzazione che coinvolge farmacie e studi medici ...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Stitichezza da stress: un aiuto da Fave di Fuca

Stitichezza da stress: un aiuto da Fave di Fuca


Marcello Cattani ha commentato il voto del Parlamento europeo sulla riforma della legislazione farmaceutica europea: "Una ...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top